Napoli: Viaggiare restando in città

Molte sono le persone che hanno la fortuna di vivere in città d’arte, dove la cultura e il divertimento è a portata di mano. Una di queste città è Napoli, la quale offre ai visitatori ma anche ai residenti tantissime cosa da fare e da ammirare.

La sirena Partenope approdò nel golfo di Napoli, dando il nome alla città. Qui le chiese e i monumenti storici sono numerosi, però, bisogna penetrare nella storia e nelle leggende per scoprire e assaporare appieno il gusto agrodolce di Partenope. 

Le chiese di Napoli

La Chiesa di San Domenico Maggiore, con affreschi e tombe si trova nel centro storico a pochi passi dalla famosa Piazza Gesù Nuovo. Con facciata in pietra è costruita la chiesa del Gesù nuovo che dà il nome alla piazza. In Piazza Pebliscito, la Basilica Reale Pontificia San Francesco da Paola. A Mergellina, la chiesa di Santa Maria del Parto. E inoltre, la chiesa di Santa Maria di Costantinopoli, il Complesso museale Santa Maria delle Anime del Purgatorio, San Lorenzo Maggiore, Sant’Angelo a Nilo e tante altre. Qui è evidente il passaggio di numerose culture; la storia antica parte con il periodo greco romano, Napoli è stata un corcevia di mondi e civiltà provenienti dall’Africa e dalla Cina, dall’Egitto. Infine, l’epoca più recente ha visto regnare i Borbone, la dinastia spagnola, che con Carlo III in particolare ha fatto rinascere la città, cambiandole il volto. Il periodo Borbonico, probabilmente è stato il più ricco, la città ha visto la realizzazione di numerose opere come il Real Albergo dei poveri, il Bosco di Capodimonte e il Palazzo reale, il teatro San Carlo (1737). Quest’ultimo ha goduto di grandissima fama internazionale e ha ospitato artisti importantissimi.

Napoli si aprì al mondo e divenne una delle città europee più importanti. Ancora oggi, sebbene la città abbia diversi volti, quartieri meno ricchi, ma pur sempre pieni di storia, molte di quelle opere restano a simboleggiare la grandezza di questa terra.

Mergellina (Chiaia) e Posillipo sono alcuni dei quartieri che si affacciano sul mare. Da Mergellina si possono raggiungere le spiagge di Posillipo e Marechiaro. Il centro storico di Napoli è un’esplosione di colori, negozi e vicoletti; in questa zona si trova San Gregorio Armeno, famosa per l’arte presepiale e il Monastero di Santa Chiara, reso celebre da una nota canzone napoletana.

Le sorprese a Napoli non finiscono mai; L’Osservatorio Vesuviano è il più antico osservatorio vulcanologico del mondo, ubicato a due chilometri di distanza dal cratere del Vesuvio a 608 metri sul livello del mare. All’interno del sito dell’Università degli studi di Napoli Federico II è presente una sezione dedicata all’Orto Botanico di Napoli dove, oltre ad una grande quantità di informazioni e di immagini, è possibile consultare importanti documenti digitali pubblicati nella Biblioteca digitale ed effettuare un viaggio virtuale nell’orto con Google Street view.

A Piedigrotta, poco distante dalla Stazione di Mergellina, il Parco Vergiliano, un altro sito dove immergersi nel verde, e dove spesso sono organizzati eventi, come il cinema all’aperto e spettacoli di vario genere. Nel parco ci sono tre monumenti importantissimi: La tomba di Virgilio, la tomba di Leopardi, la Crypta Neapolitana.

I personaggi, gli artisti e i poeti che hanno dato lustro a Napoli sono innumerevoli, e le stradine, i monumenti e l’architettura della città li racconta.

Ancora non è finita. I gioielli di Napoli (così come anche il tesoro di San Gennaro) vengono creati da secoli nel Borgo degli Orefici, un polo produttivo e commerciale unico al mondo con un valore inestimabile, la lavorazione dell’oro qui segue tutti i passaggi.  Molti sono i professionisti che vi lavorano: l’ebanista, l’incastonatore, il fonditore, il tagliatore. La Piazzetta degli Orefici è il centro del borgo.

Sotto il centro storico di Napoli corre la città Sotterranea, la più antica scavata nel tufo, con reperti archeologici, rifugio per i bombardamenti conserva ancora tutto il suo fascino. Lì sotto un Museo dedicato all’acqua, oggi si aggiunge a quelli già esistenti. Al museo dell’acqua si accederà attraverso un ascensore in vetro, dal quale i chi ama immergersi senza paura, potrà ammirare Napoli sommersa.

Mare, cultura e poi storia e arte, è questa Napoli e anche molto di più. Ogni anno tantissimi eventi allietano la vita di visitatori e residenti: concerti, mostre. I luoghi, la Mostra d’Oltremare, il Mann, il Museo di Capodimonte, Piazza Pebliscito, Castel dell’Ovo, Maschio Angioino.

 

Blog su WordPress.com.

Su ↑