Ministero della transizione ecologica: le cose devono cambiare

Gli occhi di tutti sono puntati sul nuovo governo che dovrà affrontare numerose sfide strategicamente collegate fra loro. Alcune fondamentali sono l’ambiente, la salute e la gestione del Recovery Fund. Il nuovo Ministero della transizione ecologica fa discutere molto fra chi critica e chi elogia tale scelta. Secondo alcuni esperti, questo ministero già presente in altri paesi come la Francia non ha dato i risultati sperati.

Cos’è e Cosa fa il Ministero della Transizione ecologica?

Il Ministero della Transizione ecologica è centrale per i movimenti ambientalisti. Cosa fa o cosa dovrebbe fare? La sua attività comporta la trasformazione del sistema produttivo verso un modello più sostenibile, che renda meno dannosi per l’ambiente la produzione di energia, la produzione industriale e, lo stile di vita delle persone. Attualmente esiste già un dipartimento per la Transizione ecologica e gli investimenti verdi, fa parte del ministero per l’Ambiente.

Sul sito di riferimento del Dipartimento si legge quanto segue: Il Dipartimento per la transizione ecologica e gli investimenti verdi cura le competenze del Ministero in materia di economia circolare, contrasto ai cambiamenti climatici, efficientemente energetico, miglioramento della qualità dell’aria e sviluppo sostenibile, cooperazione internazionale ambientale, valutazione e autorizzazione ambientale e di risanamento ambientale. l Dipartimento esercita, nelle materie di spettanza del Ministero, fatte salve le specifiche competenze attribuite al Dipartimento per il personale, la natura, il territorio e il Mediterraneo, le competenze in materia di: politiche per la transizione ecologica e l’economia circolare e la gestione integrata del ciclo dei rifiuti; strategie nazionali di mitigazione e adattamento ai cambiamenti climatici; mobilità sostenibile; azioni internazionali per il contrasto dei cambiamenti climatici, efficienza energetica, energie rinnovabili, qualità dell’aria, politiche di sviluppo sostenibile a livello nazionale e internazionale, qualità ambientale, valutazione ambientale, rischio rilevante e autorizzazioni ambientali; individuazione e gestione dei siti inquinati; bonifica dei Siti di interesse nazionale e azioni relative alla bonifica dall’amianto, alle terre dei fuochi e ai siti orfani; prevenzione e contrasto del danno ambientale e relativo contenzioso; studi, ricerche, analisi comparate, dati statistici, fiscalità ambientale, proposte per la riduzione dei sussidi ambientalmente dannosi.

Non è ancora chiaro però che responsabilità dovrebbe avere il nuovo Dicastero per la Transizione ecologica nella gestione dei fondi del Recovery Fund, né di quanti dei quasi 70 miliardi di euro previsti si occuperebbe in concreto.

Il Ministero della transazione ecologica nell’area Euro

L’esperienza del neo Ministero si articola in modi differenti in alcuni paesi europei che l’hanno adottato.

In Austria si chiama Ministero per l’azione climatica, l’energia, i trasporti, l’industria, l’innovazione tecnologica. Il progresso ambientalista di questo paese non si sposa con la sua ristretta visione in materia di migrazione in Europa, infatti, l’Austria è uno dei paesi che si oppone ad una gestione comune di un fenomeno, che dovrebbe interessare tutta l’Europa. Il Ministero per l’azione climatica è gestito da Leonore Gewessler, che ha portato il paese ad essere all’avanguardia nelle politiche energetiche e ambientali.

In Spagna è il Ministero della Transizione ecologica e della “sfida demografica”, è nato per fare la lotta allo spopolamento e abbandono delle zone rurali della Spagna. Il Ministero si interessa di energia e ambiente.

In Francia si chiama della Transizione ecologica e solidale, e si occupa di ambiente, energia, clima, trasporti, economia circolare. La sfida climatica è molto sentita nel paese, e proprio per questo di recente il Governo è stato condannato per inazione climatica dopo una campagna, “Affaire du siecle”, costruita con decine di avvocati e che ha coinvolto milioni di persone.

Bisogna aspettare e capire in Italia, il Ministero della Transizione ecologica in che modo si svilupperà. In teoria, affinché funzioni, dovrebbe avvenire una riorganizzazione del Ministero dello Sviluppo economico (Mise) in chiave ambientalista, del Ministero dell’Ambiente, dei Trasporti e probabilmente delle Infrastrutture. Sembra che in Italia il nuovo Ministero non preveda, per ora, l’accorpamento di altri ministeri (sarebbe la scelta più giusta). La nascita del Dicastero lascia un po’ di confusione in chi conosce bene la politica strutturale del Mise rivolta per anni verso il carbon fossile e verso enti come Eni, e poco incline all’economia circolare e all’economia Verde. Il Ministero dell’Ambiente negli anni più recenti è stato quasi solo di facciata, non risolvendo tantissimi problemi, e perseguendo la sua azione a colpi di slogan, accordi e incontri spesso inconcludenti.

L’Eterna battaglia ecologista

I gesti del singolo possono invertire trend. Noi possiamo agire su quello che mangiamo, su come ci vestiamo, su come ci muoviamo, su cosa buttiamo, su come spendiamo i nostri soldi – è quello che spiega in una lunga intervista a Famiglia Cristiana il climatologo Grammenos Mastrojeni.

Secondo il diplomatico Mastrojeni, che da venti anni svolge attività di ricerca e docenza universitaria su tematiche ambientali e sviluppo sostenibile, bisogna smitizzare due dei principali freni all’impegno individuale: l’idea che siamo solo gocce nell’oceano e l’impressione che comportamenti responsabili siano soprattutto un sacrifico, una rinuncia.

I nostri comportamenti in armonia con la biosfera generano benessere e ci lasciano più soldi in tasca.Se ne è accorta anche la finanza – sostiene il diplomatico – infatti si assiste al cambiamento del portafoglio dei grandi investitori: il 60% di investimenti sono sostenibili, perché si sono rivelati più competitivi e durevoli nel tempo.

Sognare giorni migliori fa bene alla salute

Il Covid è stato per molti un affare d’oro, e i mercanti delle tragedie continuano a speculare sul virus e sulle sue varianti, dando per scontato che dovremmo convivere per il resto dei nostri giorni con la pandemia. Non è così.

Innanzitutto guardare avanti e immaginare un futuro libero dal Coronavirus, dove poter ritornare a godere della stessa libertà di movimento di prima può essere solo salutare. Sui social spesso, molte persone che pensano alle vacanze o almeno ad attività normalissime, sono subito zittite da altri che gridano allo scandalo: Come si osa pensare alla normalità?

Perché così tante persone si impegnano ogni giorno a demolire, intristire, far nascere sospetti su persone e situazioni? I social sono complici e amplificatori di ipotetici complotti, si continua a profetizzare su politica e salute. Non vi è alcuna evidenza scientifica, che farebbe pensare alle varianti come un’ennesima catastrofe. Nonostante ciò, si continua ad annunciare catastrofi imminenti, vaccini inefficaci. La politica insieme all’informazione può fare tanto e guardare nella giusta direzione, ma anche qui esistono visioni malate e distorte, che bisognerebbe curare o estirpare.

Il pessimismo è più comodo, e per tante persone è più facile l’incertezza del futuro. Abbiamo compreso molto bene dai nostri politici, che la paura è una cattiva consigliera. La paura è una leva che ha fatto nascere molte situazioni negative. L’ansia e la depressione continuano a crescere, alimentate dalle restrizioni imposte dalla pandemia, e soprattutto dalle notizie allarmanti che arrivano dai Tg e dai social, nella maggior parte di casi infondate. Non abbiamo bisogno di questo. Le crisi finiscono, le pandemie hanno un termine, e nonostante milioni di parole spese a destra e a manca, attraverso ogni canale possibile, presto la normalità tornerà.

Qual è allora il punto di vista più giusto e la posizione da cui ripartire?

Certo, il pessimismo è sia un punto di vista sia una posizione. Sperare nel ritorno alla normalità, sulla base di un ragionamento semplice e logico, secondo il quale tutte le crisi hanno una fine, potrebbe sedare l’ansia. Bisogna proteggersi con la speranza e l’ottimismo. Sulla politica poi le opinioni sono le più diverse, e riguardano le persone, i concetti e le idee. Molti, ad esempio, già sentenziano sul nuovo Premier incaricato Mario Draghi, etichettandolo come uomo delle banche e dei poteri forti.

Guidare un governo non è impresa da poco, specialmente in un momento come questo, e il timone, certamente non potrà mai averlo uno sprovveduto, un sindacalista o il difensore dei piccoli. All’interno dello scenario politico ogni forza fa la sua parte, e così deve essere. In questi anni, molte scelte sono state orientate alle fasce più deboli, anche se non è stato fatto abbastanza. Qualche provvedimento ha segnato un punto a favore delle grandi imprese, ma non serve a nessuno dividere il mondo imprenditoriale da quello dei lavoratori, i ricchi dai poveri, perché ognuna di queste categorie si completa e deve esserci e nessuno deve essere demonizzato. Anche se a guidare il nostro paese è un signore che era a capo di una banca, bisogna impegnarsi per salvaguardare l’interesse di tutti e non solo di alcuni. . Tutti devono giocare il proprio ruolo.

I mercanti del pessimismo e dei complotti non andranno mai in pensione, e faranno leva sull’esasperazione e sulla paura delle persone. Bisogna rispondere in modo deciso a una certa politica e a una certa informazione. E bisogna farlo senza pregiudizi, portando in campo le proprie idee, battendosi per esse e soprattutto utilizzando un’arma efficace e infallibile: la speranza.

Il Doma a San Domenico Maggiore

Dopo tempi incerti, resi tali da una pandemia che sta sconvolgendo tutti i comparti sociali, compresi il mondo dello spettacolo e i musei, finalmente si riapre al pubblico, dopo varie chiusure. Di recente il Museo di San Domenico Maggiore a Napoli è stato al centro di un giallo, a causa di un’importante opera trafugata: Il Salvator Mundi.

A pochi passi da piazza del Gesù Nuovo a Napoli, il turista che ha deciso di trascorrere pochi giorni nel capoluogo partenopeo, può ritrovarsi in Piazza San Domenico Maggiore. Il nome della piazza deriva dalla chiesa e dall’obelisco posto al centro.

Piazza San Domenico Maggiore ha un valore storico importantissimo, essa si trova proprio in prossimità del decumano inferiore, chiamato anche Spaccanapoli, perché arteria fondamentale del centro storico, progettato insieme al decumano superiore in epoca greca.

Il Museo Doma ha una lunghissima storia che attraversa ben Otto secoli. All’interno del complesso monumentale ci si imbatte in tracce lasciate da personaggi come San Tommaso d’Aquino, Giordano Bruno e Tommaso Campanella, da Tino di Camaino a Francesco Solimena da Tiziano a Michelangelo da Caravaggio, da Raffaello a Giuseppe de Ribera, , da Luca Giordano a Luigi VanvitelliDomenico VaccaroCosimo FanzagoMattia Preti e tantissimi altri artisti meno famosi, ma che comunque hanno dato lustro a questo tempio dell’arte.

Un organo del 1640 a canne è posto al centro della basilica e oltre l’ingresso principale, il percorso si snoda attraverso le sacrestie, per ammirare gli abiti del XVI secolo, fino ad arrivare nella sala degli arredi sacri, dove è ritornato, dopo essere stato trafugato, il Salvator Mundi, opera di scuola leonardesca. Intorno al ritrovamento della tavola, copia dell’originale s’infittisce il mistero. Ma misteri e segreti sono all’ordine del giorno per quanto riguarda le opere di Leonardo e in particolare del Salvator Mundi, la più costosa acquistata da un privato all’asta e della quale si sono, ad oggi, perse le tracce.

Il Salvator Mundi, esposto al Doma è attribuito dagli studiosi alla scuola di Leonardo  perché venne esposto nel 1983-1984 nella mostra “Leonardo e il leonardismo a Napoli e a Roma”. Fu proprio in quell’occasione, che il dipinto fu restaurato e sottoposto a indagini radiografiche.

L’opera è strettamente accostabile all’immagine incisa da Wenzel Hollar nel 1650 che riporta la sua derivazione diretta dall’attribuito originale leonardesco, al quale può riferirsi anche un’altra redazione nella collezione de Ganay a Parigi.

Il dormitorio principale del convento di San Domenico Maggiore, chiamato anche Corridoio di San Tommaso, dove si trova la Cella di San Tommaso d’Aquino, fanno parte del percorso del Museo San Domenico Maggiore. Qui sono presenti ancora ricordi di San Tommaso, nella cella dove abitò nell’ultimo periodo della sua vita.

Museo Sala del Tesoro

In questo luogo si giunge attraverso la Sagrestia della Basilica di San Domenico Maggiore, decorata in stile barocco, è a pianta rettangolare, progettato da Giovan Battista Nauclerio nel XVIII secolo.. Il visitatore paga un piccolo biglietto per accedere alle Arche Aragonesi. Nella sala degli arredi si possono ammirare armadi in legno spettacolari, appartenenti alla più alta e pregiata scuola della lavorazione del legno.

Oggetti e abiti di sovrani e nobili aragonesi uniti a busti, reliquie e pavimento decorato con bellissimi dipinti offrono al visitatore un’esperienza di rara bellezza.

Sui tre lati della Sagrestiasi trovano 38 feretri che hanno contenuto i corpi (alcuni imbalsamati) di 10 re e principi aragonesi, e di nobili napoletani, morti tra il XV e XVI secolo.

Secondo alcuni studiosi, fra i corpi non identificati delle arche potrebbe trovarsi anche quello di Leonardo da Vinci, il quale ebbe una relazione con Isabella d’Aragona, anche lei qui sepolta, accanto a due dei suoi figli.

L’Economia italiana viaggia con le eccellenze

Molto difficile fare previsioni sull’andamento dell’economia italiana e su una sua probabile ripresa. La pandemia ha attaccato duramente molti settori dalla ristorazione ai piccoli negozi, ai servizi. Il blocco parziale di voli ha compromesso perfino l’export di prodotti trainanti per l’Italia.

Nonostante il fatto che lo scenario sia ancora da definirsi nei prossimi mesi, alcuni segnali fanno ben sperare e arrivano come sempre dal settore produttivo, che ha, al di là delle esportazioni anche un mercato interno, che potrebbe fare la differenza. Negli ultimi anni molti giovani hanno deciso di rivolgersi alla produzione tradizionale italiana, dando prova di grande passione e resistenza sul territorio. L’Enogastronomia italiana offre migliaia di opportunità, e così, continuano a nascere in Italia numerose aziende agricole e produttori di specialità tipicamente nostrane.

Oltre al vino, a salumi e formaggi, prodotti dolciari, l’Italia è il secondo produttore di olio extravergine dopo la Spagna. L’olio di alta qualità arriva da regioni come la Toscana, Lazio, Sicilia, ma a farla da padrone è l’oro di Puglia, in questo modo, infatti, è chiamato l’olio prodotto nell’area pugliese che va dal Salento al Gargano. In questa zona, grazie agli ulivi secolari sono raccolte ogni anno tonnellate di olive di un’eccellente qualità, che vengono trasformate in un prodotto unico al mondo: l’olio extravergine.

L’importanza delle eccellenze Made in Italy per l’economia

La produzione di olio anche in queste zone ogni anno, subisce variazioni dovute alle condizioni climatiche, per questo motivo vi è una continua alternanza fra abbondante produzione e scarsa. Nonostante le evidenti difficoltà, ci sono ancora aziende giovani che investono sul territorio e sulla tradizione, come Agrisafrapuglia, una giovane azienda che tratta prodotti tipici del Gargano, sapientemente selezionati. Oltre a prodotti locali, Agrisafrapuglia eccelle per la produzione di olio extravergine d’oliva biologico e certificato, che proprio a San Giovanni Rotondo ha una qualità fine e pregiata.

L’azienda pugliese si trova all’entrata di San Giovanni Rotondo e raggruppa nel negozio fisico come nell’e-commerce on line tutte le eccellenze enogastronomiche del Gargano. I visitatori che spesso si recano al vicino Santuario o alla scoperta delle bellezze pugliesi, amano fare tappa proprio da Agrisafrapuglia per degustare e acquistare i prodotti locali.

La giovane azienda immersa nella splendida terra del Gargano, abbraccia passione e tradizione, e allo stesso tempo ha saputo aprirsi al mondo, investendo sull’e-commerce, grazie al quale chiunque può ordinare le eccellenze originali e di alta qualità prodotte nel territorio, seguendo l’antica tradizione.

Una sfida vinta, quella di Agrisafrapuglia, come quella di tante piccole realtà che sopravvivono su tutto il territorio nazionale, grazie alla determinazione e alla passione, ma soprattutto alla qualità dei prodotti, merce rara, che non passa mai di moda.

Europa:Smog responsabile di 50 mila morti premature

Uno studio pubblicato su TheLancet ha dimostrato che l’inquinamento atmosferico nelle città europee è la principale causa di morti premature. Le città riscaldate dall’inquinamento hanno effetti devastanti sulla salute. Lo studio ha preso in esame 1000 città europee.

Una percentuale considerevole di morti premature nelle città europee potrebbe essere evitata ogni anno riducendo le concentrazioni di inquinamento atmosferico, in particolare al di sotto delle linee guida dell’OMS. Lo studio ha dimostrato che la mortalità varia fra le città europee, e indica dove sono necessarie azioni politiche per ridurre l’inquinamento atmosferico e realizzare comunità sostenibili, vivibili e sane. Le attuali linee guida dovrebbero essere riviste e le concentrazioni di inquinamento atmosferico dovrebbero essere ulteriormente ridotte per ottenere una maggiore protezione della salute nelle città.

I Risultati della ricerca

In generale, le città con il minor carico di mortalità dovuto all’inquinamento atmosferico erano situate nel nord Europa. Le città con il PM più basso  sono stati: (1) Reykjavík (Islanda), (2) Tromsø (Norvegia), (3) Umeå (Svezia), (4) Oulu (Finlandia), (5) Jyväskylä (Finlandia), (6) Uppsala (Svezia), (7) Trondheim (Norvegia), (8) Lahti (Finlandia), (9) Örebro (Svezia) e (10) Tampere ( Finlandia);

Infine, le città con il più basso tasso di mortalità per NO 2  sono state: (1) Tromsø (Norvegia), (2) Umeå (Svezia), (3) Oulu (Finlandia), (4) Kristiansand (Norvegia) , (5) Pula (Croazia), (6) Linköping (Svezia), (7) Galway (Irlanda), (8) Jönköping (Svezia), (9) Alytus (Lituania) e (10) Trondheim (Norvegia.

Le morti dovute all’inquinamento atmosferico variavano ampiamente, con i livelli di NO2 a Madrid, ad esempio, responsabili del 7% dei decessi annuali lì.Le città nella regione della Pianura Padana del nord Italia, Polonia e Repubblica Ceca sono state le più alte in termini di mortalità, con le città italiane di Brescia, Bergamo e Vicenza tutte tra le prime cinque per concentrazioni di PM2,5.

L’OMS stima che l’inquinamento atmosferico uccida più di 7 milioni di persone ogni anno ed è una delle principali cause di malattia e assenza dal lavoro a livello globale.

Inoltre, è convinzione diffusa che le principali fonti di inquinamento siano traffico e fabbriche, ma nella classifica il primo posto è occupato da agricoltura e allevamento, che inquinano molto di più rispetto ad altri settori.

Quali sono le città più inquinate?

In base a uno studio dell’agenzia europea per l’Ambiente l’Italia è prima, in termini assoluti, per morti premature da biossido di azoto.Per quanto riguarda l’NO2, le città europee più inquinate sono Londra, Parigi e Torino.  la città più inquinata d’Europa (ma anche del mondo) sarebbe Tetovo, nella Macedonia del Nord, con un Pollution index di 97,44, seguita dalla Russia Chelyabinsk e Tirana. Nella classifica ci sono anche Napoli e Brescia.

Importanza della meraviglia e i suoi effetti

Con il passare del tempo si perde la capacità di meravigliarsi, è inutile negarlo. Il mondo entra prepotentemente nella nostra sfera intima e contamina quello che Pascoli chiamava Il Fanciullino.

I bambini sono essere piccolissimi con una grandezza disarmante, sanno meravigliarsi, perché sono alla continua ricerca, sperimentano nuovi giochi, fantasticano, ogni oggetto è nuovo. Loro stanno costruendo il mondo e noi, ritornando indietro negli anni, glielo presentiamo, ma addolciamo la pillola, raccontiamo a loro e a noi stessi che il mondo è un posto bello.

La meraviglia deve avere dei validi presupposti, basta chiedersi quando è stata l’ultima volta che l’abbiamo provata? Davanti a un tramonto, ascoltando una nuova musica, oppure è stato un profumo, un monumento, un museo e la bellezza di un’opera d’arte?

La meraviglia dal punto di vista medico

La psicologia studia molto il fenomeno della meraviglia, e infatti, alcuni studi sono arrivati alla conclusione che i narcisisti siano poco propensi alla meraviglia, per innumerevoli ragioni. La meraviglia abbraccia tantissime aree del nostro cervello e del fisico. La sensazione di meraviglia è spesso accompagnata da brividi ed emozioni, aumento della frequenza cardiaca e da un generale senso di benessere. Quando ci si lascia trasportare dalle note di una musica o quando ci si immerge nella lettura di un libro, in una commedia o in un film si abbandona il concetto di tempo e nuove priorità affiorano alla superficie.

L’Università della California Berkeley nel 2018 ha condotto un’importante ricerca dalla quale sono emerse interessanti scoperte. In base alla funzione evolutiva dell’emozione di meraviglia sembra che, obbligandoci a ristrutturare i nostri schemi mentali, ci induce ad attivare il nostro pensiero critico e ci aiuta ad adattarci meglio a nuovi contesti complessi. In pratica suscitare meraviglia nei bambini li rende più aperti e più disponibili ad apprendere. Ancora nella ricerca si legge – Alcune intense esperienze di meraviglia possono provocare un cambiamento cognitivo così profondo da dare origine a mutamenti durevoli nel modo in cui le persone considerano se stesse e il mondo –

Gli studi dimostrano ancora che la meraviglia riduce lo stress e l’ansia, perfino il dolore. La meraviglia bisogna cercarla e fare come fanno i bambini, che continuano a sperimentare e scoprire, meravigliandosi di ciò che è piccolo, ma che in realtà è solo una chiave, che apre il nostro mondo verso l’infinito.

Il vaccino non è la sola arma contro il Covid

Fin dall’inizio della Pandemia, il mondo scientifico e in particolare i medici che operavano a stretto contatto con i malati di Covid hanno iniziato a sperimentare e a ricercare nuove cure. Alcuni farmaci sono stati utilizzati, e vengono somministrati tutt’ora a malati meno gravi, e nuove vecchie tecniche si sono affacciate all’orizzonte, come la cura del Plasma.

L’arrivo del vaccino ha seguito percorsi già battuti

Molti si meravigliano sui tempi del vaccino, ma le risposte a questa domanda sono tantissime, ma basterebbe una a dissolvere qualsiasi dubbio. In una scienza come la medicina, la ricerca ha un ruolo fondamentale e tutte le sue conquiste non sono mai buttante al vento. Talvolta, rappresentano un trampolino di lancio per altre patologie. In pratica, si studia sempre e ciò che si apprende e s’impara potrebbe essere utilizzato per sconfiggere una malattia futura. Ecco, ciò che accaduto con il vaccino, riguardo al quale vi sono molti scettici. Come può essere messo a punto un vaccino in soli otto mesi?

La ricerca sul cancro, ad esempio, ha avviato un’importante battaglia: l’immunoterapia, utilizzata già da alcuni anni. Questa tecnica, spiegata senza troppe parole incomprensibili ai non addetti ai lavori, rafforza il sistema immunitario, per far sì che quest’ultimo distrugga le cellule malate di cancro. L’Immunoterapia ha aperto la strada (ancora da percorrere) verso un vaccino contro il cancro, un qualcosa di grandioso! Ecco, anche conoscenze e conquiste come questa sono state utilizzate nella realizzazione dei vaccini.

Non solo vaccino contro il Covid ma la cura

Era chiaro fin dall’inizio, visti i dati e i decessi, come il collasso delle strutture ospedaliere hanno dimostrato, quanto fosse stato importante scoprire una cura efficace contro il Covid. Questa strada, probabilmente è ancora lontana. oltre a farmaci come antibiotici, cortisone, molti ospedali sono ricorsi alla cura del Plasma, che nella maggior parte dei casi funziona. Come molti ignorano, però, utilizzare il plasma ripulito, con all’interno solo gli anticorpi della malattia è una tecnica che si è utilizzata in passato e in tante occasioni. Anche la cura del plasma non è una novità, ma il risultato di anni di ricerca. Il plasma da soggetti convalescenti, infatti, è stato utilizzato durante le epidemie di SARS nel 2002 ed Ebola nel 2015, e negli ultimi mesi sono stati pubblicati su diverse riviste scientifiche i risultati di alcuni studi clinici internazionali ed italiani. Inoltre, diverse sperimentazioni cliniche in corso nel mondo stanno cercando di verificare se la terapia con il plasma iperimmune sia efficace. Nonostante ciò è necessario continuare anche su questa strada.

L’Unione Europea ha destinato 7 milioni di uero all’Italia per la raccolta del plasma iperimmune

Finalmente è arrivato il Via libera dall’UE al finanziamento di circa sette milioni per supportare i servizi trasfusionali italiani che svolgono attività di raccolta del plasma da ex malati di Covid. La conferma è arrivata dal CNS – Centro nazionale sangue – Il programma Emergency Support instrument, nato per aiutare i paesi europei contro la pandemia aiuterà i progetti dei servizi trasfusionali in 14 regioni italiane.

Lo scorso agosto, come spiega il Cns, la Struttura Regionale di Coordinamento Trasfusionale (Src) della Regione Lombardia si è candidata capofila dei servizi trasfusionali che hanno espresso interesse di accesso al finanziamento e predisposto le proposte, come da bando europeo. In totale sono 14 le Regioni e provincie autonome che hanno fatto richiesta.

Quali sono le regioni che hanno avviato la raccolta e la cura del plasma contro il Covid?

La prima regione è stata la Lombardia, si sono aggiunte il Vento e la Valle d’Aosta, il Piemonte e la Liguria, la Toscana, Le Marche, l’Abruzzo, la Puglia, la Sicilia. Se ne sono poi aggiunte altre, come la campania e il Lazio, grazie anche all’appello del Ministero della salute di continuare a raccogliere il plasma, anche se si tratta di una cura sperimentale, ma che sta dando ottimi risultati nei casi più gravi, evitando spesso il ricorso alla terapia intensiva.

La trasfusione è utilizzata per trasferire questi anticorpi anti-SARS-CoV-2, sviluppati dai pazienti guariti, a quelli con infezione in atto che non ne abbiano prodotti di propri e sono tante le persone che stanno donando il plasma.

piatto antibatterico garantito al 99,9%

Piatto in ceramica realizzato da una cooperativa dipendenti che hanno rilevato azienda di Città di Castello. Crisi è ripartenza per gli operai di Ceramiche Noi.

Spesso, ma non sempre accade che intere aziende vengano rilevate dai dipendenti. Molte, infatti, sono le storie che trasmettono speranza nel futuro. Non è la prima volta che una grande impresa si trasferisce in paesi nei quali avvierà una produzione con costi inferiori.

Oggi l’ennesimo esempio di positività arriva da una cooperativa di Città di Castello, la Ceramiche Noi, che ha inventato un piatto garantito – assicurano – antibatterico al 99,9 per cento, per il quale è stato già depositato il brevetto presso il Ministero dello Sviluppo economico.
L’azienda spiega che prodotti similari fino ad ora erano sviluppati “a freddo” sui piatti che nel tempo perdono la loro efficacia, ma “è la prima volta” che si testa una marchiatura a caldo che trasmette alla stoviglia la particolarità “a vita”.


 La cooperativa è composta da 11 operai di Ex-Ceramisia di Città di Castello che uniti nella nuova realtà imprenditoriale e grazie al supporto di Legacoop Umbria hanno fondato Ceramiche Noi.  

Il deposito di questo brevetto – dice Lorenzo, responsabile commerciale dell’azienda – è per Noi motivo di grande orgoglio, non è solo un traguardo ma un nuovo punto di partenza.
 E’ davvero una notizia straordinaria di resilienza – ha affermato Luciano Bacchetta, sindaco di Città di Castello – speranza e grande ingegno.  Agli operai di Ceramisia di Città di Castello era stata comunicata la delocalizzazione in Armenia ad agosto 2019. Dopo i primi attimi di sconforto, messi di fronte alla possibilità di perdere il lavoro, i dipendenti hanno però deciso di investire nel futuro proprio e del territorio. Si sono quindi uniti in cooperativa ed hanno fondato Ceramica Noi, acquistando i macchinari utilizzati dalla vecchia proprietà e affittando il capannone. “Tutti per uno un sogno per tutti ” recita lo slogan impresso sulla pelle con un tatuaggio dei dipendenti. E così hanno riacquistati i vecchi clienti, per il 90% negli Stati Uniti, riuscendo a non fermare la produzione e ripartendo con la produzione.

Fonte: (ANSA)
   

Bufera sulla presidenza italiana: Referente del tavolo ambiente e energie G20 affidato a Manager Eni

G20, Inchiesta del Domani su presidenza italiana. Greenpeace: Il Governo spieghi perché ha affidato a un Manager Eni il ruolo di referente del tavolo ambiente e energia del G20.

Commentando quanto riportato da un’inchiesta pubblicata dal Domani – secondo cui un manager di Eni sarebbe stato scelto da Palazzo Chigi come “referente del tavolo ambiente e energia e dei lavori preparatori dei diversi delegati ministeriali per il G20 Ambiente, clima e energia che si terrà a luglio a Napoli” – Luca Iacoboni, responsabile della campagna Energia e Clima di Greenpeace Italia, dichiara:

Se confermati ufficialmente, i contenuti dell’inchiesta del quotidiano Domani tratteggiano uno scenario inquietante sulle reali intenzioni del nostro governo. Affidare a una big del gas fossile e del petrolio le trattative del tavolo ambiente ed energia del G20 è un po’ come consegnare le vittime ai carnefici. Aziende come Eni, che hanno grossi interessi internazionali nell’ambito del mercato delle fossili e le cui attività hanno un impatto negativo sul clima del Pianeta, non devono essere coinvolte dai governi quando questi hanno un ruolo di presidenza di importanti vertici internazionali. E certamente, come pare accadere in questo caso, non dovrebbero avere questo ruolo nei tavoli tecnici. Ne va della credibilità dei lavori.

Greenpeace sottolinea come Eni sia una delle aziende italiane con il più alto livello di emissioni di gas serra al mondo, nonché tra le realtà principalmente responsabili dell’emergenza climatica in corso: le sue emissioni globali sono maggiori di quelle dell’Italia. Nei suoi piani futuri, il Cane a sei zampe non prevede affatto la svolta green che sbandiera a tambur battente con spot o interventi sui media, bensì intende continuare a puntare massicciamente sul gas fossile, una delle cause della crisi climatica in corso. Se quanto scoperto dal “Domani” fosse ufficialmente confermato, l’esecutivo di fatto diventerebbe complice di questo pericoloso atteggiamento, purtroppo già anticipato da altre scelte governative.

Assumendo la Presidenza del G20, il capo di governo Giuseppe Conte aveva affermato di voler mettere persone e Pianeta tra i pilastri dell’immediato futuro, continua Iacoboni. Eppure, alcuni progetti presenti nell’ultima bozza disponibile del Recovery plan italiano sembrano essere stati scritti sotto dettatura di Eni. Si veda la parte che destina miliardi di finanziamento pubblico a un progetto inutile e costoso come il polo di Cattura e Stoccaggio della CO2 (CCS) a Ravenna, funzionale solo a continuare a sfruttare gas fossile, e non ad avviare una vera decarbonizzazione del mix energetico di Eni. È davvero questa la svolta green a cui mira l’Italia?, conclude Iacoboni.

Se davvero vuole perseguire l’obiettivo della decarbonizzazione, per Greenpeace il governo deve puntare davvero sulle energie rinnovabili. Come dimostra il report “Italia 1.5” dell’organizzazione ambientalista, una rivoluzione energetica che metta da parte i combustibili fossili porterebbe al Paese vantaggi ambientali, economici e occupazionali.

Fonte: Ufficio stampa Greenpeace Italia

Covid:I cibi che rafforzano il sistema immunitario

Abbiamo imparato con il Covid-19 che avere un sistema immunitario forte e resistente ci aiuta nel combattere virus e batteri. Esistono alcuni cibi che servono proprio a difenderci.

Il primo alimento che aiuta le difese immunitarie è l’aglio, ma non è necessario mangiarlo, va bene anche schiacciarlo in padella, facilitando la fuoriuscita di tutte le sue proprietà per poi toglierlo.

Un recente studio condotto in Giappone, all’università di Kagoshima, ha dimostrato che l’aglio cura e previene le alterazioni dell’intestino. Inoltre tiene a bada l’insulina e l’eccesso di grassi nel sangue, tutti fattori che possono aggravare lo sviluppo del Covid. Uno studio della Kagoshima University, in Giappone, ha dimostrato che l’aglio ha un ruolo chiave nel prevenire e curare le alterazioni della flora batterica intestinale e nel trattamento della resistenza all’insulina e dell’eccesso di lipidi (grassi) nel sangue, tutti elementi considerati anche come fattori di rischio per lo sviluppo della CoViD-19.

L’altro alimento base per le difese immunitarie sono i chiodi di garofano. Questi ultimi, oltre ad avere proprietà analgesiche, sono ricchi di eugenolo, un antivirale molto potente, che riesce a ridurre l’infiammazione. Questa proteina insieme alla spermidina del germe di grano è alla base di un integratore, che si sta sviluppando all’Università di Bologna, che dovrebbe contribuire a diminuire la velocità di replicazione del Covid-19.

Un’altra importante spezia è il peperoncino, ricco di vitamina C, va utilizzato crudo, come la cannella, la curcuma, i funghi, il pepe. Queste spezie possono essere utilizzate in cucina, insaporendo molti piatti oppure nella preparazione di tisane calde.

I consigli che danno sempre gli esperti non vanno mai persi di vista, come un’adeguata attività fisica, anche solo camminare e usare le scale, un’alimentazione sana con frutta e verdura (attenzione un solo frutto per volta, no a centrifugati o macedonie, la frutta contiene zuccheri). Altri alimenti che aiutano il nostro organismo sono il vino, il cacao, la birra

Blog su WordPress.com.

Su ↑