Come tenere a bada il coronavirus al chiuso

Il freddo costringe a chiudersi in casa; ecco i suggerimenti per evitare il virus al chiuso: apri le finestre, acquista un filtro dell’aria e dimentica le luci UV.

Da pochi giorni, milioni di studenti sono ritornati in aula, fra le polemiche e le preoccupazioni. Il fatto che i contagi stiano aumentando non aiuta a rilassarsi, di fronte al pericolo di una “seconda ondata“, come la definiscono in molti. Non bisogna dimenticare che la guerra con il Coronavirus non è del tutto terminata. Certamente la sanità sia pubblica sia privata è corsa ai ripari, aumentando i posti letto e quelli in terapia intensiva, molte possibili terapie sono state sperimentate sul campo, e molte di queste sono risultate efficaci, insomma, indubbiamente si conosce molto meglio il nemico, ed è proprio per questo che non bisogna abbassare la guardia.

Un interessante articolo apparso sul New York Times elenca le raccomandazioni degli esperti per contenere il virus nei luoghi chiusi.

Mentre il freddo autunnale riporta le persone nelle case, nelle aule e negli uffici, il coronavirus potrebbe ripresentarsi anche negli Stati che finora ne hanno frenato la diffusione.

Perché? Il virus rappresenta una minaccia maggiore negli spazi interni affollati di quanto non faccia all’aperto. Gli stati del sud, ad esempio, hanno visto un picco di infezioni quando le temperature sono salite alle stelle quest’estate, spingendo le persone a rimanere all’interno con i condizionatori d’aria ronzanti.

Sono un po ‘preoccupato che vedremo quel cambiamento alle latitudini settentrionali quando il clima si farà freddo”, ha detto Linsey Marr del Virginia Tech a Blacksburg, che studia come i virus si muovono nell’aria.

In ambienti interni scarsamente ventilati, come la maggior parte dei ristoranti e dei bar, il virus può rimanere sospeso nell’aria per lunghi periodi e percorrere distanze superiori a sei piedi (quasi due metri), è quello che pensano il dottor Marr e altri ricercatori.

Questa estate, gli scienziati hanno isolato virus vivi da minuscole goccioline chiamate aerosol che fluttuano nell’aria fino a 16 piedi (circa quattro metri) da un paziente infetto in un ospedale.

La paura del rischio di trasmissione al chiuso ha alimentato un mercato per dispositivi costosi che promettono di pulire le superfici e persino l’aria, purificandole dal virus. Ma la maggior parte di questi prodotti è eccessiva e può anche avere conseguenze dannose non intenzionali, hanno avvertito gli esperti.

“Tutto ciò che suona di fantasia e non è provato e vero – quelle sono tutte cose da evitare”, ha detto Delphine Farmer, un chimico atmosferico presso la Colorado State University di Fort Collins.”Acqua e sapone funzionano magnificamente.”

Abbiamo chiesto agli esperti quali strategie le persone dovrebbero adottare e quali evitare quando il tempo si raffredda.

Alcuni distretti scolastici si sono concentrati sulla protezione contro i virus dei loro sistemi di ventilazione e il CDC ha prodotto una serie esaustiva di raccomandazioni per le aziende che cercano di proteggere i loro dipendenti dal virus.

Ma “il dibattito sulla riduzione del rischio va oltre la ventilazione”, ha detto Joseph Allen, esperto di sicurezza degli edifici presso la Harvard TH Chan School of Public Health. “È un approccio di difesa a più livelli in cui nessuna strategia di per sé è sufficiente, ma più strategie insieme possono ridurre il rischio.”

Il dottor Allen ha proposto queste misure per la gestione di edifici più grandi:

  • Eliminare l’esposizione quando possibile, ad esempio incoraggiando il personale a lavorare da casa;
  • Permettere l’ingresso solo a chi necessita di essere fisicamente presente nell’edificio;
  • Adottare strategie come l’aggiunta di filtri dell’aria e la disinfezione delle superfici;
  • Gestire il flusso di persone che attraversano l’edificio, ad esempio il numero di persone alla volta negli ascensori;
  • Richiedere l’uso di rivestimenti per il viso e altri dispositivi di protezione individuale appropriati all’interno.

I ricercatori del Massachusetts Institute of Technology  hanno creato un’app per determinare quante persone possono riunirsi in sicurezza in un dato spazio e per quanto tempo.

Ma a prescindere da queste precauzioni, la strategia ottimale è semplicemente quella di indossare una maschera al chiuso, ha detto Martin Bazant, un ingegnere chimico del MIT, aggiungendo: “Questo è un effetto molto più grande di quello che fornirebbero queste strategie”.

Una soluzione semplice e gratuita: aprire le finestre, “specialmente quando le condizioni climatiche sono più miti”, ha detto il dottor Allen.

Le scuole devono avere una ventilazione sufficiente per cambiare completamente l’aria in una stanza ogni 20 minuti, ma la maggior parte riesce a malapena a farlo una volta ogni ora. “Anche solo l’apertura di finestre di poco può cambiare drasticamente il tasso di ricambio dell’aria”, ha detto il dottor Allen. Il trucco è utile anche per i viaggi in auto.

Le ventole oscillanti possono essere utili o dannose all’interno, a seconda di come vengono utilizzate. Idealmente, non dovrebbero essere posizionati in alcun punto in cui potrebbero spingere le esalazioni cariche di virus da una persona infetta intorno a una stanza o sul viso di un altro occupante.

Un ventilatore non oscillante posizionato in una finestra e lontano dalle persone può aumentare il flusso d’aria in una stanza senza questi rischi.

Se l’aria è inquinata o se non ci sono finestre da aprire, i filtri dell’aria, anche portatili, potrebbero essere la risposta. Possono liberare l’aria dal coronavirus.

Sulla base dei suoi anni di esperienza nello studio di epidemie di malattie in edifici scolastici e per uffici, “non c’è mai stato un edificio che non potessimo trasformare in un edificio sano”, ha detto il dottor Allen. “C’è sempre qualcosa che puoi fare.”

Per un’aula o un ufficio, un purificatore d’aria portatile adatto alle dimensioni della stanza “è un’ottima strategia plug-and-play a basso costo per fornire diversi ricambi d’aria all’ora di aria pulita”, ha detto il dottor Allen.

Attenti a quei “purificatori d’aria”

Il modo migliore per pulire l’aria in una stanza è sostituirla con aria dall’esterno o passare attraverso un filtro dell’aria.

Ma alcuni filtri dell’aria offrono funzionalità che gli esperti chiamano “espedienti”: inutili nella migliore delle ipotesi e pericolose nel peggiore dei casi. I cosiddetti detergenti esotici non sono regolamentati da alcuna agenzia federale, ma sono stati commercializzati in modo aggressivo a scuole e aziende, ha detto il dottor Farmer, il chimico dell’atmosfera.

Alcuni dispositivi generano ozono – sì, quell’ozono, un pericolo per le vie respiratorie – mentre altri producono pericolosi radicali idrossilici che possono danneggiare le cellule. Ci sono prodotti che affermano di fare affidamento sulla “ionizzazione bipolare” per abbattere il coronavirus, ma possono anche produrre particelle ultrafini che sono pericolose se inalate.

Alcune aziende, compresi gli studi dei dentisti, stanno fumigando i loro locali con candeggina o perossido di idrogeno. Ma gli spray chimici che “puliscono” l’aria dovrebbero essere così concentrati da essere tossici per le persone, hanno avvertito gli esperti.

Quindi di quali prodotti puoi fidarti? Il consiglio degli esperti: evitali tutti.

“Non abbiamo bisogno di questi espedienti”, ha detto Brent Stephens, un esperto di qualità dell’aria interna presso l’Illinois Institute of Technology di Chicago. “Ho qui un filtro dell’aria che usiamo e ha una strana piccola luce ultravioletta. Ma non mi fido davvero. Lo spengo e lo uso come mezzo per far passare l’aria attraverso il filtro. “

Le luci ultraviolette sono un passo troppo lontano

Gli esperti avevano le maggiori preoccupazioni per le luci UV, che vengono utilizzate in molti ospedali per disinfettare strumenti, attrezzature e persino intere stanze. Ma ora le luci UV vengono commercializzate ad aziende, scuole e persino edifici residenziali come disinfettanti per interni.

 differenza dei filtri dell’aria portatili che sono economici e possono essere semplicemente collegati a una presa elettrica, le luci UV devono essere progettate con cura da persone addestrate per disinfettarle. Installati in modo errato, possono causare ustioni alla pelle e danni alla vista, ha affermato Saskia Popescu, epidemiologa ospedaliera dell’Università dell’Arizona a Tucson.

Le luci UV sono regolate principalmente per l’uso come pesticidi e non sono ben studiate per l’uso intorno alle persone, ha aggiunto: “Mi innervosisco molto quando vedo persone che spingono la disinfezione UV”.

La luce UV generalmente non penetra in profondità in una superficie e non distrugge il virus che è sepolto sotto altri detriti microscopici.

Ci vuole tempo perché la luce UV uccida il coronavirus e gli esperti mettono in guardia contro l’uso di dispositivi UV a meno che non si sia disposti a spendere tempo e denaro per acquistare modelli che possono essere installati da un professionista qualificato.

“Quelli utilizzati negli ospedali provengono da aziende con convalida scientifica, ma sono estremamente costosi”, ha detto il dott. Popescu. “La scuola o l’ufficio medio non ne hanno bisogno.”

Il virus prospera nell’aria secca, quindi alcune aziende vendono anche umidificatori pesanti per sistemi HVAC come un modo per mantenere gli spazi interni inospitali al coronavirus.

Ma a meno che l’umidificatore non riesca a mantenere lo spazio esattamente al 40-60% di umidità, il che richiederebbe una revisione della maggior parte dei sistemi di costruzione, è improbabile che sia utile.

Blog su WordPress.com.

Su ↑