Quanti scrittori rinunciano ai Social?

Maggie O’Farrell, vincitrice del Women’s Prize, difficilmente posterà qualcosa su Twitter. Proprio oggi, quando qualcuno inizia a parlare di dipendenza dai social.

Tutte le buone intenzioni per raggiungere un buon equilibrio fra virtuale e vita reale, spesso si scontrano con la natura vera dei social, cioè quella di creare dipendenze. Inoltre, c’è chi pensa che per scrittori e personaggi famosi i social siano un imperativo al quale è impossibile rinunciare. Non la pensano tutti così.

Un articolo apparso su TheGuardian dal titolo emblematico: Cosa guadagnano – e perdono – gli scrittori quando evitano i social media? Spiega la scelta che alcuni fanno di restare lontani dai social.

a scorsa settimana, quando Maggie O’Farrell ha vinto il premio delle donne per la narrativa  per il suo romanzo storico Hamnet , un coro di festeggiamenti è scoppiato sui social media. O almeno quella parte abitata dal mondo letterario. O’Farrell è una scrittrice, molto amata e rispettata dai colleghi oltre che dai lettori, e tutti volevano dirlo.

Per molti autori, questo spettacolo pubblico di consensi da parte dei colleghi del settore sarebbe parte integrante della vittoria di un premio importante e darebbe luogo a uno tsunami di retweet falsamente modesti, lo scopo finale dei social media è, presumibilmente, un mezzo per promuovere i nostri marchi personali e prodotti a un pubblico più ampio.

O’Farrell non ha ritwittato una parola di questa lode, tuttavia, dal momento che è uno dei tanti scrittori che scelgono di non interagire affatto con i social media.

C’è stato un tempo in cui questo era visto come una posizione di rifiuto deliberatamente eccentrica che sarebbe stata difficile da mantenere. Da tempo gli editori e i librai si aspettano che gli autori si rendano disponibili ai lettori tramite i loro canali di social media, in modo che possano promuovere i loro libri.

Disdegnare i social media diventa quindi una dichiarazione di fiducia nel tuo lavoro e nella sua capacità di trovare un pubblico senza che tu compaia costantemente per ricordare alle persone. È una dichiarazione sulle tue priorità. C’è qualcosa di invidiabile sicuro di sé nella decisione di allontanarsi da un forum in cui tutti urlano, per sentirsi pensare.

Sono molti gli scrittori che non sono sui social, insieme a O’Farrell troviamo Hilary Mantel, Ali Smith, Tana French, Olivia Laing. Sono scrittori il cui lavoro è immersivo, profondamente ricercato, frutto di riflessione e ampia lettura, che sono tutti l’antitesi dei social media, che facevo molto di più prima di entrare in Twitter.

Il giorno dopo l’annuncio del premio per le donne, il marito di O’Farrell, il romanziere William Sutcliffe, ha offerto un tributo a sua moglie sotto forma di un ironico Tweet – Devi raccogliere l’ispirazione dando tanta energia alla tua vita senza scrivere quanto alle ore trascorse alla scrivania”, ha detto. “Nessun social media aiuta in questo.” 

Chi è Maggie O’Farrell

Maggie O’Farrell, nata in Irlanda del Nord nel 1972, è cresciuta tra il Galles e la Scozia e attualmente vive a Edimburgo con il marito, il romanziere William Sutcliff, e i loro tre figli. Nella sua carriera di scrittrice ha vinto numerosi premi, tra cui il Somerset Maugham Award e il Costa Novel Award. Guanda ha pubblicato i romanziLa distanza fra noi, La mano che teneva la miaIstruzioni per un’ondata di caldo Il tuo posto è qui e il memoir Io sono, io sono, io sono.

Fonte immagine Maggie O’Farrell: Illibraio

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Blog su WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: