Greta Thunberg: anche in Italia lo sciopero dalla scuola del Venerdì

Greta Thunberg, la studentessa svedese che sta dando una lezione a tutti i “grandi” della terra; una lezione però che è difficile imparare.

Famoso il suo sciopero della scuola ogni Venerdì per protestare contro i cambiamenti climatici e i riscaldamento globale; anche in Italia c’è chi sta seguendo il suo esempio – Il 2 febbraio scorso Greta sulla sua pagina Facebook ha pubblicato un post che in poche ore ha ricevuto circa 7 mila commenti, 67 mila interazioni e 28 mila condivisioni. Prima però di pubblicare il contenuto di quel post, mi piacerebbe ricordare la favola del colibrì, che forse in tanti conoscono – Il piccolissimo uccellino che corre sul fiume per prendere una goccia d’acqua nel suo minuscolo becco, per poi gettarla sulla foresta in fiamme. Tutto questo lo fa mentre gli altri animali della foresta discutono su cosa o non cosa fare per spegnere l’incendio. Il colibrì risponde alla meraviglia e alle critiche degli altri animali dicendo: “Ho fatto solo la mia parte”

Greta

Post del 2 febbraio 2019 – Greta Thunberg 

Da un po’ sento molte voci che  circolano su di me e enormi quantità di odio. Questa non è una sorpresa per me. So che visto che la maggior parte delle persone non è a conoscenza del pieno significato della crisi climatica (che è comprensibile visto che non è mai stata trattata come una crisi) uno sciopero scolastico per il clima sembrerebbe molto strano per le persone in generale.
Quindi fatemi chiarire un po ‘ di cose sul mio sciopero della scuola.

Nel maggio 2018  ho vinto un concorso di scrittura sull’ambiente tenuto da svenska dagbladet, un giornale svedese. Ho fatto pubblicare il mio articolo e alcune persone mi hanno contattato, tra gli altri c’era bo thorén da fossili free dalsland. Aveva una specie di gruppo di persone, soprattutto giovani, che volevano fare qualcosa per la crisi climatica.
Ho avuto qualche contatto telefonico con altri attivisti. Lo scopo era quello di presentare idee di nuovi progetti che avrebbero portato attenzione alla crisi climatica. Bo aveva qualche idea di cose che potevamo fare.  Dalle marce ad un’idea di una sorta di sciopero scolastico (che i bambini della scuola  avrebbero fatto a scuola o nelle aule). Quell’idea è stata ispirata agli studenti del parco, che si erano rifiutati di andare a scuola dopo le sparatorie della scuola.
Mi è piaciuta l’idea di uno sciopero scolastico. Così ho sviluppato quell’idea e ho cercato di far sì che gli altri giovani si unissero a me, ma nessuno era veramente interessato. Pensavano che una versione svedese dell’ora zero di marzo avrebbe avuto un impatto più grande. Così ho organizzato lo sciopero della scuola tutto da sola e dopo di che non ho partecipato a nessun altro incontro.

Quando ho detto ai miei genitori dei miei piani non ne sono stati entusiasti.  Non hanno sostenuto l’idea di una scuola come protesta e mi hanno detto che se volevo  fare questo avrei dovuto farlo completamente da sola e senza alcun sostegno da parte loro.
Il 20 di agosto mi sono seduta  fuori al Parlamento svedese. Ho consegnato volantini con una lunga lista di fatti sulla crisi climatica e spiegazioni sul perché sono stata colpita da questi eventi. La prima cosa che ho fatto è stata pubblicare su Twitter e instagram quello che stavo facendo e presto questo è diventato virale. Poi i giornalisti e i giornali hanno iniziato a interessarsi.  Un imprenditore svedese e uomo d’affari attivo nel movimento climatico, Ingmar Rentzhog, è stato tra i primi ad arrivare. Ha parlato con me e ha fatto le foto che ha pubblicato su Facebook. E ‘ stata la prima volta che l’ho incontrato o parlato con lui. Non avevo lo avevo incontrato mai prima di allora.

Molte persone amano diffondere voci che dicono che ho delle persone ” dietro di me ” o che sono ” pagata ” o ” usata ” per fare quello che sto facendo. Ma non c’è nessuno “dietro” a me tranne me stessa. I miei genitori  non conoscevano gli attivisti del clima, prima di  conoscere questa situazione.
Io non faccio parte di nessuna organizzazione. A volte sostengo e collaboro con diverse Ong che lavorano con il clima e l’ambiente. Ma io sono assolutamente indipendente e rappresento solo me stessa. E faccio quello che faccio completamente gratis, non ho ricevuto alcun denaro o nessuna promessa di pagamenti futuri in nessuna forma. E nessuno è legato a me o alla mia famiglia.
E sarà sempre così. Non ho mai incontrato un solo attivista che sta lottando per il clima per i soldi. Quell’idea è del tutto assurda.
Inoltre io viaggio solo con il permesso della mia scuola e i miei genitori pagano i biglietti e gli alloggi.

La mia famiglia ha scritto un libro sulla nostra famiglia e come io e mia sorella  abbiamo influenzato il modo di pensare e di vedere il mondo dei miei genitori, soprattutto riguardo al clima e sulle nostre diagnosi.
Quel libro doveva essere pubblicato a maggio. Ma visto che c’è stato un grosso disaccordo con la casa editrice, abbiamo cambiato editore e quindi il libro è stato pubblicato ad agosto.
Prima che il libro venisse pubblicato i miei genitori hanno chiarito che i loro eventuali profitti dal libro “Scener ur hjärtat” sarebbero andati a 8 diverse associazioni di beneficenza che lavorano con ambiente, bambini con diagnosi e diritti degli animali.

E si, scrivo io i miei discorsi. Ma visto che so che quello che dico raggiunge molte persone chiedo spesso pareri.  Ad alcuni scienziati spesso chiedo aiuto su come esprimere certe questioni complicate. Voglio che tutto sia assolutamente corretto, in modo da non diffondere fatti non veri, o cose che possono essere fraintese.

C’è chi mi prende in giro per la mia diagnosi. Ma l’asperger non è una malattia, è un dono. La gente dice anche che  se non avessi avuto l’asperger non avrei mai potuto mettermi in questa posizione. Ma è proprio per questo che l’ho ho fatto. Perché se fossi stata “normale” e social  mi sarei unita ad  un’organizzazione, o creato un’organizzazione da sola. Ma visto che non sono così brava a socializzare ho fatto tutto questo da me. Ero così frustrata per il fatto che non si stava facendo nulla per la crisi climatica e mi sembrava di dover fare qualcosa, qualsiasi cosa. E a volte non fare le cose – come stare solo seduti fuori dal Parlamento –  dice molto di più che fare le cose. Proprio come un sussurro a volte è più forte che urlare.

Inoltre c’è chi denuncia che io “sembro e scrivo come un adulto”. E a questo posso solo dire: non credi che un bambino di 16 anni possa parlare da solo? Ci sono anche alcune persone che dicono che io semplifico le cose. Ad esempio quando dico che ” la crisi climatica è una questione in bianco e nero “, ” dobbiamo fermare le emissioni di gas serra ” e ” voglio che tu ti faccia prendere dal panico “. Ma lo dico solo perché è vero. Sì, la crisi climatica è la questione più complessa che non abbiamo mai affrontato e che dovremmo fare di tutto per “fermarla”. Ma la soluzione è nera e bianca; dobbiamo fermare le emissioni dei gas a effetto serra.
Perché o si limita il riscaldamento a 1,5 gradi c sopra i livelli pre industriali, o non lo facciamo. O si raggiunge un punto di ribaltamento in cui si inizia una reazione a catena con eventi ben oltre il controllo umano, o non lo facciamo. O andiamo avanti come civiltà, o non lo facciamo. Non ci sono zone grigie quando si tratta di sopravvivenza.
E quando dico che Vi voglio nel panico voglio dire che dobbiamo trattare la crisi come una crisi. Quando la tua casa è in fiamme non ti siedi e parli di quanto bella la puoi ricostruire una volta che hai spento il fuoco. Se la tua casa è in fiamme tu corri fuori e fai in modo che tutti siano fuori mentre tu chiami i vigili del fuoco.  Il che richiede un po ‘ di panico.

C’ è un’altra voce che gira per la quale non posso fare nulla. Ed è che sono ” solo una bambina e non si dovrebbe stare ad ascoltare i bambini.”  –  Allora perché non ascoltate la forte e solida scienza? Perché se tutti ascoltassero gli scienziati e i fatti a cui mi riferisco costantemente – allora nessuno dovrebbe ascoltare me o nessuna delle altre centinaia di migliaia di bambini di scuola in sciopero per il clima in tutto il mondo. Poi potremmo tornare tutti a scuola.
Io sono solo una messaggera, eppure mi odiano tanto. Non dico nulla di nuovo, dico solo quello che gli scienziati hanno ripetutamente detto da decenni. E sono d’accordo con voi, sono troppo giovane per fare questo. Noi bambini non dovremmo fare questo. Ma visto che quasi nessuno sta facendo niente, e il nostro molto futuro è a rischio, ci sembra di dover continuare.

 

                                    Immagini dalla Pagina facebook Greta Thunberg

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Blog su WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: