Capire come funziona la “sovradispersione” è la chiave per controllare il Covid

In tanti si stanno domandando come abbia fatto la Cina a contenere il virus, infatti le notizie che filtrano (con il regime cinese bisogna sempre andarci con i piedi di piombo, visti i precedenti), sembra che i ristoranti siano affollati, come le strade e i centri commerciali e vada tutto bene. Le teorie sono diverse: fanno milioni di tamponi in brevissimo tempo, tracciano e spengono i focolai, là è un altro pianeta, stanno avanti.

Come funziona la sovradispersione, è l’interessante opinione di Kyra Grantz e Justin Lessler su TheGuardian

Solo il 10% delle persone è responsabile dell’80% della trasmissione e questo deve influenzare il modo in cui affrontiamo questo virus

A febbraio, quando il Covid-19 stava appena iniziando a diffondersi in tutto il mondo, un singolo individuo infetto ha esposto fino a 1100 persone a Daegu, in Corea del Sud, probabilmente infettandone centinaia. Questo “evento di super diffusione” ha innescato un gruppo di trasmissioni che alla fine è cresciuto fino a superare i 5.000 casi in un paese riconosciuto come uno dei più efficaci per i programmi di controllo del Covid-19 fino ad oggi.

R è solo una media, e questa media maschera un fenomeno interessante che è stato il oggetto di crescente interesse pubblico nelle ultime settimane, noto nei circoli scientifici come “overdispersion”. Ma cos’è esattamente?

In poche parole, la sovradispersione significa che una minoranza di individui infetti è responsabile di una percentuale inaspettatamente alta di trasmissione. La sovradispersione è spesso segnalata come percentuale di individui infetti che causano l’80% della trasmissione.

Covid: Infezione primaria e infezione secondaria

Per il Covid-19 questo valore può essere del 10% oppure inferiore. Quindi, mentre in media un gruppo di 10 individui infetti potrebbe causare 25 infezioni secondarie, solo uno di quelli originariamente infetti potrebbe infettare 20 persone, mentre i restanti nove si combinano per infettare solo cinque.

Anche i fattori biologici e ambientali sono importanti per la sovradispersione.La maggior parte delle persone infettate da Sars-CoV-2 inizierà a trasmettere il virus prima di sentirsi male. Per alcuni questo periodo asintomatico può durare giorni, mentre l’individuo infetto continua le sue normali attività, diffondendo inconsapevolmente la malattia. Anche alcune attività, come canti o urla e spazi interni poco ventilati, possono facilitare la trasmissione.

La sovradispersione è stata importante per aiutare a comprendere alcuni aspetti sconcertanti dell’inizio della pandemia. All’inizio di febbraio, molti paesi avevano registrato più casi di Covid-19 confermati ma non avevano prove di una sostanziale diffusione nella comunità. Ciò sembrava in contrasto con le prove della trasmissibilità di Sars-CoV-2 da Wuhan, in Cina. Questa apparente discrepanza potrebbe, tuttavia, essere spiegata da un’eccessiva dispersione: la maggior parte dei paesi è stata finora risparmiata dal tipo di eventi ad alta trasmissione che possono far scattare un’epidemia. Ad esempio, in Nuova Zelanda, fino all’80% delle persone infette che sono entrate nel paese si sono trasmesse solo a un’altra persona o a nessuno. In questo modo, l’eccessiva dispersione può rallentare la diffusione del virus in nuove posizioni, poiché la maggior parte delle introduzioni non riesce a innescare un’epidemia.

L’altro aspetto di queste introduzioni fallite, tuttavia, è che quando la trasmissione decolla, può farlo in modo esplosivo.

Controllare questo tipo di crescita esplosiva può essere scoraggiante; ma l’eccessiva dispersione può funzionare a nostro favore se riusciamo a identificare e indirizzare le aree ad alto rischio di superdiffusione. Un modo per farlo sono le indagini a grappolo, o “tracciamento del contatto a ritroso”, che sono state una caratteristica chiave della risposta finora riuscita in Giappone. 

Questa strategia si basa sul fatto che è più probabile che identifichiamo prima una delle tante persone infette in un evento di diffusione eccessiva rispetto all’individuo che ha provocato l’evento. Tracciare le catene di trasmissione fino alla loro fonte consente agli investigatori di identificare e intervenire su persone e ambienti responsabili di una quantità sproporzionata di trasmissione.

Nella misura in cui luoghi come il Giappone hanno mirato con successo alle fonti di alta trasmissione, l’eccessiva dispersione ha garantito loro efficienza e concentrazione nei loro sforzi di controllo. Indagini a grappolo, test estesi e programmi di tracciamento e restrizioni sui luoghi e sulle attività più favorevoli alla superdiffusione possono essere particolarmente efficaci per controllare la trasmissione con alti livelli di sovradispersione.

Eppure l’esperienza della Corea del Sud ci mostra quanto velocemente un’epidemia apparentemente controllata può riaccendersi con pochi incidenti sfortunati. Mentre affrontiamo nuove fasi della pandemia di Covid-19 nei prossimi mesi e anni, la sovradispersione può aiutarci a capire meglio perché la malattia si comporta in quel modo e ad acuire i nostri sforzi per il controllo.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Blog su WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: