Donne per le donne Afghane

Versione modificata di una lettera aperta al primo ministro del Regno Unito, Boris Johnson, firmata da Women for Women International, Gender Action for Peace and Security e più di 100 altri firmatari di organizzazioni, reti, individui e accademici che lavorano nel settore delle donne, diritti umani, costruzione della pace e settore umanitario – molti dei quali hanno lavorato in Afghanistan o con partner in Afghanistan e condividono la loro devastazione per la situazione che stiamo vedendo svolgersi.

Con i talebani che ora hanno il pieno controllo dell’Afghanistan, le donne nel paese affrontano un rischio particolare per la loro vita. In qualità di organizzazioni per i diritti delle donne e della società civile, siamo stati in contatto con un numero che ha già ricevuto minacce di morte. Alcune hanno già i talebani alle porte. C’è un grande rischio per coloro che hanno agito per fare una differenza fondamentale su ciò che significa essere una donna in Afghanistan: coloro che hanno il coraggio di ricoprire cariche pubbliche o avviare organizzazioni per i diritti delle donne, coloro che hanno guidato instancabilmente gli sforzi di patrocinio di base e quelli molto coraggiosi da chiedere conto ai responsabili  attraverso articoli di giornale.  Alcuni, attraverso il loro lavoro, hanno svolto un ruolo visibile nell’aiutare il governo britannico a raggiungere i propri obiettivi. Come diretta conseguenza di questa esposizione, queste donne ora affrontano un rischio elevato e imminente per la loro vita.

Insieme ad altre organizzazioni della società civile che lavorano con partner in Afghanistan, scriviamo con urgente preoccupazione per questo rischio. Collettivamente, chiediamo al governo britannico di agire immediatamente . In primo luogo, lavorare a stretto contatto con i governi dei paesi vicini e altri poteri internazionali per garantire un’uscita sicura e legale dal paese per le donne e le famiglie a rischio. Ciò includerebbe la fornitura di visti e l’assistenza all’evacuazione delle donne afghane.  Il governo deve lavorare duramente per garantire che le frontiere terrestri del paese rimangano aperte alle evacuazioni e per facilitare gli aiuti, compreso il sostegno per case sicure e  contro la violenza  su donne e famiglie che non possono fuggire.

In secondo luogo, chiediamo al governo di estendere la politica di ricollocamento e assistenza afghana (Arap) agli afgani e alle persone  a maggior rischio di persecuzione a causa del loro attivismo per i diritti delle donne.Nel Regno Unito dovrebbe cessare gli allontanamenti forzati e riconsiderare qualsiasi richiesta di asilo respinta alla luce del cambiamento della situazione politica e accelerare qualsiasi domanda di ricongiungimento familiare esistente.

Ciò non solo garantirebbe il rispetto dei diritti delle donne e delle ragazze e la partecipazione delle donne in modo significativo a qualsiasi risposta e intervento, ma assicurerebbe anche un piano sostenibile, costruito attorno agli attori umanitari in grado di lavorare a fianco delle attiviste e delle organizzazioni femminili in Afghanistan e nel diaspora.

Negli ultimi decenni, numerose donne attiviste per i diritti umani hanno lavorato con il governo britannico per promuovere l’uguaglianza di genere, la pace e la sicurezza in Afghanistan. Quella partecipazione non è avvenuta senza un costo – qualcosa che tutti ci aspettavamo – o senza un alto livello di responsabilità. Chiediamo al governo britannico di agire con urgenza per proteggere quelle donne ora a rischio di persecuzione e morte a causa di questo lavoro. La loro protezione è essenziale se il settore deve continuare a coordinare e sostenere il lavoro del governo britannico a livello globale su donne, pace e sicurezza, in linea con il nostro impegno condiviso a continuare a impegnarsi con le reti di donne e ragazze in contesti di conflitto.

Il lavoro delle donne, delle organizzazioni e delle reti di difensori dei diritti umani ha fatto una differenza sostanziale sia per il successo della missione e degli obiettivi del Regno Unito in Afghanistan, sia per il raggiungimento dell’uguaglianza di genere e la difesa dei diritti delle donne nei conflitti su scala internazionale. Il Regno Unito non può abbandonare queste donne ora.

Come possiamo aiutare le persone in Afghanistan, adesso – La rivista Marie Claire fornisce un elenco ragionato e in aggiornamento delle onlus italiane e internazionali, e dei loro progetti sanitari e di empowerment in Afghanistan.

Fonte: TheGuardian

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Blog su WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: