Jason Hickel: Qualità della vita, non Pil

Jason Hickel è un antropologo economico, noto per alcuni studi condotti sulla povertà e il capitalismo; ha scritto alcuni libri fra cui The Divide e Less is More. È membro della Royal Society of Arts, secondo una delle sue tesi, la povertà è una caratteristica dell’economia globale, riprodotta dagli squilibri di potere tra il Nord del mondo e il sud del mondo.

Nel marzo 2020, Jason Hickel scrive un interessante articolo su TheCorrespondent – segue un estratto –

L’economia tradizionale pensa ancora che la crescita sia essenziale, ma questa fede cieca nel PIL sta solo arricchendo i ricchi e uccidendo il pianeta. Non abbiamo bisogno di più crescita per migliorare la vita delle persone. Lavorando di meno, acquistando e producendo di meno e investendo nei servizi pubblici, possiamo migliorare la qualità della vita e combattere la crisi climatica.

La nostra misura del successo dovrebbe essere la qualità della vita, non il Pil

Negli ultimi mesi del 2018, il Gruppo intergovernativo di esperti sui cambiamenti climatici (IPCC) ha attirato l’attenzione del mondo con un nuovo rapporto,  che ha affermato che per evitare il collasso climatico, dobbiamo dimezzare le emissioni globali entro il 2030 e raggiungere lo zero entro il 2050.

Abbiamo bisogno di realizzare niente di meno che il rapido capovolgimento della nostra direzione attuale come civiltà. Abbiamo costruito un’infrastruttura globale per i combustibili fossili negli ultimi 250 anni e ora dobbiamo rinnovarla completamente in soli 30. Tutto deve cambiare nel giro di decenni.

Negli Stati Uniti, Alexandria Ocasio-Cortez  ha presentato un piano per una rapida riduzione delle emissioni sotto la bandiera del Green New Deal, che ha ispirato una serie di sforzi simili in tutta Europa.

Passare dalla crescita economica al benessere

È una visione stimolante e un grande miglioramento rispetto al discorso precedente. Ma c’è un problema. Gli scienziati del clima avvertono che non è possibile per le nazioni ad alto reddito passare alle energie rinnovabili abbastanza velocemente da rimanere entro il budget del carbonio per 1,5°C, o anche 2°C, se continuano a perseguire la crescita economica ai normali ritmi. Come mai? Perché più crescita significa più domanda di energia e più domanda rende ancora più difficile implementare una capacità di energia rinnovabile sufficiente. Secondo un team di scienziati con sede in Canada, se continuiamo a crescere come di consueto, il tasso di decarbonizzazione richiesto è “ben al di fuori di quanto attualmente ritenuto realizzabile”.

La nostra ostinata insistenza sulla crescita economica sta rendendo questo compito vitale molto più difficile di quanto dovrebbe essere. È come scegliere di combattere una battaglia per la vita o la morte mentre si va in salita, con gli occhi bendati, con entrambe le mani legate dietro la schiena. Stiamo volontariamente sabotando le nostre possibilità di successo.

La giustizia è l’antidoto alla crescita

Gli economisti hanno a lungo supposto che abbiamo bisogno di crescita per migliorare la vita delle persone. Invece, non ci sono prove empiriche per questo argomento. Oltre un certo punto, il rapporto tra PIL e benessere umano si rompe completamente.

La ragione per cui la crescita del PIL tende a non produrre i risultati che potremmo aspettarci è perché la stragrande maggioranza va direttamente nelle tasche dei ricchi. Sono loro i veri beneficiari della crescita.

La verità è che non abbiamo bisogno di più crescita per migliorare la vita delle persone. Possiamo realizzare i nostri obiettivi sociali in questo momento, senza alcuna crescita, semplicemente condividendo ciò che già abbiamo in modo più equo e investendo in beni pubblici generosi. Si scopre che la giustizia è l’antidoto all’imperativo della crescita e la chiave per risolvere la crisi climatica.

Come ci arriviamo? Non si tratta solo di passare a lampadine a basso consumo energetico, anche se ovviamente questo aiuta. L’IPCC sottolinea che il modo più efficace per ridurre il consumo di energia non è quello di colpire le famiglie, ma l’industria. Pensa a tutta l’energia necessaria per estrarre, produrre e trasportare tutti i beni materiali che l’economia sforna ogni anno. Pensa alle miniere, al disboscamento, alle fabbriche, agli imballaggi, alle navi portacontainer, ai magazzini, ai punti vendita al dettaglio e agli impianti di smaltimento dei rifiuti. L’economia materiale è una gigantesca macchina che succhia energia. Riducendo il “rendimento” materiale della nostra economia – la quantità di cose che produciamo e consumiamo – possiamo ridurre la nostra domanda di energia. 

A prima vista, questo potrebbe sembrare irrealizzabile. Ma non lo è davvero. La cosa fondamentale da capire è che un’enorme fetta della produzione materiale nella nostra economia è destinata, letteralmente, ad essere sprecata. Le aziende che cercano disperatamente di superare i limiti dei mercati saturi ricorrono a ogni sorta di tattiche subdole per aumentare artificialmente il fatturato.

Ci piace pensare al capitalismo come a un sistema razionale ed efficiente quando si tratta di soddisfare i bisogni umani. Ma per certi aspetti è esattamente il contrario.

Possiamo legiferare per garanzie a lungo termine, diritti di riparazione e schemi di ritiro obbligatori. Possiamo regolare le spese di marketing e possiamo liberare gli spazi pubblici dagli annunci che ci dicono di acquistare ancora di più, sia offline che online. I guadagni da questo potrebbero essere enormi. Pensaci: se vestiti e frigoriferi e smartphone durano il doppio, ne consumeremo la metà. Questa è metà dell’estrazione, metà della spedizione, metà dei magazzini, metà del trasporto, metà dei rifiuti e metà dell’energia necessaria per alimentare il tutto.

Ci sono anche una serie di altri passaggi che possiamo intraprendere.

  • Possiamo passare dall’auto privata al trasporto pubblico;
  • Possiamo vietare lo spreco alimentare da supermercati e fattorie;
  • Possiamo tagliare imballaggi monouso;
  • Possiamo scegliere di ridimensionare le industrie ecologicamente distruttive e socialmente meno necessarie, come i SUV

Piuttosto che presumere che ogni settore dovrebbe continuare a crescere indefinitamente, indipendentemente dal fatto che ne abbiamo effettivamente bisogno o meno, possiamo avere una conversazione razionale su quali settori potremmo invece voler de-crescere.

Ma, potresti chiedere, che dire dei lavori? Mentre riduciamo l’attività industriale non necessaria, ciò non farà aumentare la disoccupazione?

In circostanze normali, sì. Ma gli economisti ecologisti hanno una soluzione sorprendentemente semplice a questo: abbreviare la settimana lavorativa. Aggiungi una garanzia di lavoro al mix (una politica che sembra essere clamorosamente popolare)  e possiamo avere weekend di tre giorni per tutti e piena occupazione allo stesso tempo. Per recuperare le ore perse, possiamo introdurre salari dignitosi fissati alla settimana o introdurre un reddito di base universale.

Possiamo fornire programmi di riqualificazione per consentire ai lavoratori di passare indolore da industrie sporche a quelle più pulite.

La cosa eccitante di questa mossa è che ha un sostanziale impatto positivo sul benessere. Studi negli Stati Uniti hanno scoperto che le persone che lavorano meno ore sono più felici di quelle che lavorano più ore, anche quando si controllano le entrate. E ha anche un grande impatto sulla domanda di energia. Se gli Stati Uniti dovessero ridurre l’orario di lavoro ai livelli dell’Europa occidentale, il loro consumo energetico diminuirebbe di un impressionante 20%.

L’interesse pubblico per l’economia post-crescita è aumentato vertiginosamente nell’ultimo anno con il peggioramento della crisi climatica. Con gli incendi che divampano attraverso l’Australia e l’Amazzonia, le inondazioni in l’Inghilterra settentrionale, la siccità che guida la migrazione e le ondate di caldo record che attraversano l’Antartide, le persone si rendono conto che lo status quo ci fa precipitare verso il disastro e sono sempre più aperti a nuove idee. In questi anni, possiamo aspettarci che il movimento per il clima si radunerà attorno al Green New Deal e a una visione per un’economia completamente nuova.

Fonte immagine: Sito web Jason Hickel

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Blog su WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: