Facebook, presenza dannosa nelle nostre vite. Non è tardi per staccare la spina

La notizia è girata anche in Tv, ma un interessante articolo su TheGuardian spiega perché Facebook sarebbe dannoso per la nostra vita.

Il gigante dei social media intende rafforzare la presa sulle nostre attività quotidiane. Facebook è in modalità di crisi perpetua. Per anni, l’azienda ha dovuto affrontare ondate di critiche su problemi causati o esacerbati dalla piattaforma. Le recenti rivelazioni hanno allungato la lista degli addebiti.

Stanno uccidendo le persone

Tale elenco include la raccolta di dati di massa e l’invasione della privacy da parte di Cambridge Analytica ; le accuse di ingerenza russa durante le elezioni presidenziali del 2016; discorsi di odio sfrenato, che incitano, tra le altre cose, al genocidio in Myanmar ; la diffusione virale della disinformazione sul coronavirus e sui vaccini, con Joe Biden che proclama su Facebook e altre piattaforme di social media: “Stanno uccidendo le persone”.

Aggiungete a questo Marketplace di Facebook: con un miliardo di utenti che acquistano e vendono beni, ProPublica ha riscontrato un crescente pool di truffatori e truffatori che sfruttano il sito, con Facebook che non riesce a salvaguardare gli utenti.

L’ultima ondata di reportage investigativi incentrati sulla società, nel frattempo, proviene dalla serie Facebook Files del Wall Street Journal . Dopo aver riversato su una cache dei documenti interni della società, il WSJ ha riferito che “i ricercatori di Facebook hanno identificato gli effetti negativi della piattaforma”. Ad esempio, la società ha minimizzato i risultati secondo cui l’utilizzo di Instagram può avere un impatto significativo sulla salute mentale delle ragazze adolescenti. Nel frattempo, ha implementato strategie per attirare più utenti preadolescenti su Instagram. L’algoritmo della piattaforma è progettato per favorire un maggiore coinvolgimento degli utenti in ogni modo possibile, anche seminando discordia e gratificando l’indignazione. Questo problema è stato sollevato dal team di integrità di Facebook, che ha anche proposto modifiche all’algoritmo che avrebbero soppresso, anziché accelerare, tale animus tra gli utenti. Queste soluzioni sono state respinte dall’amministratore delegato di Facebook, Mark Zuckerberg, perché ha dato la priorità al crescente coinvolgimento rispetto ad altri obiettivi.

Inoltre, secondo il WSJ, i dipendenti di Facebook “hanno lanciato allarmi ” sui cartelli della droga e sui trafficanti di esseri umani nei paesi in via di sviluppo che utilizzano la piattaforma, ma la risposta dell’azienda è stata anemica. Forse perché i dirigenti, ancora una volta, esitano a impedire la crescita in questi mercati in rapida espansione.

Social più sicuri, ma i profitti vengono prima

Ciò è coerente con le affermazioni dell’informatore di Facebook Frances Haugen, che ha dichiarato nel fine settimana, in un’intervista a 60 Minutes , “Facebook, più e più volte, ha dimostrato di preferire il profitto alla sicurezza”. È inoltre emerso che Haugen ha presentato almeno otto denunce all’autorità di vigilanza finanziaria statunitense sull’approccio di Facebook alla sicurezza. Haugen ha testimoniato davanti al Senato degli Stati Uniti martedì, confermando le sue rivelazioni. “Sono qui oggi perché credo che i prodotti di Facebook danneggino i bambini, alimentino la divisione e indeboliscano la nostra democrazia”, ​​ha detto. La leadership dell’azienda sa come rendere Facebook e Instagram più sicuri, ma non apporterà i cambiamenti necessari perché ha messo i suoi profitti astronomici prima delle persone. Non dovremmo essere sorpresi che fare soldi a palate sia la motivazione principale di qualsiasi azienda. Ma qui abbiamo ulteriori prove che Facebook è una piattaforma socialmente tossica.

Nonostante la consapevolezza del team esecutivo di questi gravi problemi, nonostante le udienze del Congresso e gli impegni prescritti per fare meglio, nonostante le grandiose dichiarazioni di missione di Zuckerberg che cambiano con le maree della pressione pubblica, Facebook continua a scrollarsi di dosso la grande responsabilità che deriva dal grande potere e ricchezza accumulato.

Invece di affrontare i problemi la controffensiva

Ad agosto, Zuckerberg ha firmato un’iniziativa chiamata Project Amplify , che mira a utilizzare il feed di notizie di Facebook per mostrare alle persone storie positive sul social network, secondo il New York Times. Spingendo storie pro-Facebook, incluse alcune “scritte dall’azienda”, spera di influenzare il modo in cui gli utenti percepiscono la piattaforma. Facebook non è più felice di consentire ad altri di utilizzare il feed delle notizie per diffondere disinformazione ed esercitare influenza: vuole utilizzare questo strumento anche per i propri interessi.

In un’altra risposta al WSJ, il capo di Instagram di Facebook, Adam Mosseri, ha fatto una strana analogia tra social media e auto: “Sappiamo che muoiono più persone di quante ne morirebbero altrimenti a causa di incidenti stradali, ma nel complesso, le auto creano molto più valore nel mondo di quanto distruggano”, ha detto Mosseri. “E penso che i social media siano simili.” Mosseri non può più negare che piattaforme come la sua siano forze di distruzione. La sua tattica è quella di convincerci che una semplice analisi costi-benefici esce a suo favore. Gli capita di eludere il fatto che le auto causino più degli incidenti; sono anche responsabili delle conseguenze sociali e ambientali sistemiche a tutti i livelli. Naturalmente, questo è esattamente il tipo di miopia egoistica che dovremmo aspettarci da un dirigente tecnologico sotto tiro.

Oltre a respingere le segnalazioni critiche, tuttavia, un’iniziativa come Project Amplify dovrebbe essere intesa come il tentativo di Facebook di aprire la strada alla sua penetrazione più profonda in ogni aspetto della nostra realtà. Dopotutto, quando l’anno scorso il Congresso gli è stato chiesto perché Facebook non è un monopolio, Zuckerberg ha detto che è perché vede tutte le possibili modalità di ” connessione delle persone con altre persone ” come una forma di competizione per la sua attività. E se sappiamo qualcosa su Facebook, sono molto bravi a catturare quote di mercato e schiacciare i concorrenti, non importa quello che serve.

Un Grande fratello virtuale e costante che controlla le nostre vite

Facebook ha bisogno che gli utenti formino una relazione intima con la piattaforma. In rapida successione quest’estate, ha annunciato due nuovi prodotti che rappresentano la prossima fase di esistenza pianificata dell’azienda, sia la sua che la nostra.

Il primo è il ” metaverso “. Prende il nome da un’idea fantascientifica esplicitamente distopica , il metaverso è, per ora, presentato essenzialmente come un ufficio di realtà virtuale – accessibile tramite occhiali VR come Facebook Oculus – dove vai a vedere i colleghi, partecipare a riunioni e fare presentazioni senza dover lasciare casa. Zuckerberg ha proclamato che nei prossimi cinque anni Facebook “passerà efficacemente dalle persone che ci vedono principalmente come una società di social media a una società del metaverso”.

Il secondo è Ray-Ban Stories, il tentativo di Facebook di riuscire dove Google Glass ha fallito. Le Ray-Ban Stories sono presentate come un modo semplice per rimanere costantemente connessi a Facebook e Instagram senza che quel fastidioso smartphone si intrometta. Ora puoi realizzare il sogno di condividere ogni momento della tua giornata con Facebook – e i preziosi dati che ne derivano – senza mai doverci pensare.

È importante sottolineare che l’accesso a entrambi i tipi di realtà, virtuale e aumentata, è mediato da Facebook. I dirigenti di Facebook vorrebbero che tu credessi che l’azienda è ora un appuntamento fisso nella società. Che una piattaforma progettata principalmente per potenziare gli annunci pubblicitari mirati si è guadagnata il diritto di mediare non solo il nostro accesso alle informazioni o alla connessione, ma anche la nostra percezione della realtà. E i tentativi aggressivi di Facebook di combattere qualsiasi scetticismo, combinati con le sue ambizioni di modellare la realtà, mostrano quanto sia disperato convincerci ad accettare il veleno sociale che spaccia e chiedere di più.

Per Facebook, tutta questa attenzione negativa equivale a un problema di immagine: cattiva pubblicità che può essere contrastata da una buona propaganda. Per il resto di noi, questo è indicativo che Facebook non ha solo un problema; Facebook è il problema. In definitiva, sta crescendo un caso schiacciante contro il diritto di Facebook.

Dovremmo riconoscere che consentire a un’azienda capace di progettare e possedere un’infrastruttura critica con zero responsabilità è la peggiore di tutte le opzioni possibili

Bisogna ricordare a Facebook che non è troppo tardi per il pubblico per staccare la spina a questo esperimento sociale andato storto. In questo momento, quasi ogni alternativa sarebbe migliore.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Blog su WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: