Novaya Gazeta, uno dei pochi giornali contro il regime russo

Forse è la fine di Putin, e non tutto è perduto. Cosa sarà scritto sui libri di storia fra Cinquant’anni? Novaya Gazeta è uno dei pochi organi di stampa che racconta una storia diversa sull’invasione all’Ucraina

Riportiamo un articolo pubblicato sul giornale russo dalla giornalista Ludmila Ulitskaja

Il 24 febbraio 2022 è iniziata la guerra. Ho creduto che la mia generazione, che ha partorito durante la seconda guerra mondiale, è stata fortunata, e vivremo senza guerra fino alla morte, che, come promesso nel Vangelo, sarà “pacifica, indolore e senza vergogna”. No. Sembra che non funzionerà. E non si sa in cosa si tradurranno tutti gli eventi di questa drammatica giornata. La follia di un uomo e dei suoi complici a lui devoti dirige il destino del paese.

Dolore, paura, vergogna: questi sono i sentimenti di oggi.

Dolore – perché la guerra colpisce i vivi – l’erba e gli alberi, gli animali e la loro prole, le persone ei loro figli.

Paura – perché esiste un istinto biologico generale volto a preservare la propria vita e la vita della prole.

Vergogna – perché la responsabilità della leadership del nostro paese nel creare questa situazione, irta di grandi disastri per tutta l’umanità, è ovvia.

La responsabilità di quanto sta accadendo oggi sarà condivisa da tutti noi, contemporanei di questi eventi drammatici, che non siamo riusciti a prevederli e fermarli. È necessario fermare la guerra che divampa ogni minuto e resistere alle menzogne ​​propagandistiche che vengono riversate sulla nostra popolazione da tutti i media.

L’intellettuale in Russia oggi non può tacere

Vladimir Mirzoev un’altro intellettuale fa eco alle parole della scrittrice russa. Ecco un estratto del suo editoriale su Novaya Gazeta:

Cercherò di guardare la situazione come se venisse dal futuro. Dal punto di vista della storia futura, Putin si è rivelato uno strumento ideale per l’ulteriore distruzione dell’Impero russo, un eroe ideale per litigare con il mondo intero, sacrificando gli interessi della Russia: economici, politici, sociali.

Quello che sta accadendo è un crimine non solo contro l’Ucraina e il popolo ucraino, ma anche contro la Russia e il popolo russo. Le conseguenze di questa aggressione saranno orrende per tutti noi. Una mattina ci siamo trovati nella posizione di un emarginato che ha portato grandi disgrazie al mondo.

Adesso tutto cambierà: pesanti sanzioni economiche colpiranno ogni cittadino russo. Ora la popolazione nella percezione di ciò che sta accadendo è divisa all’incirca equamente, ma penso che molto presto metà dei russi che sostengono l’aggressività oggi sentirà il prezzo di questa aggressione nella propria pelle.

L’URSS iniziò guerre ibride e altre guerre in tutto il mondo e cercò di acquisire alleati con la forza delle armi. Basti ricordare Ungheria, Cecoslovacchia, Afghanistan. Questo impero era chiamato in Occidente – “Impero del Male”.

Il crollo di questo impero è durato per tutto il 20° secolo e ora, come risultato dell’avventura di Putin, dovrebbe continuare. Forse accadrà a causa dell’isolamento economico; dipendiamo per il 70% dalle nostre esportazioni di idrocarburi. Ma con l’introduzione dell’embargo nessuno ne avrà bisogno, la nostra economia si trasformerà in un malinteso. Il paese non può vivere senza l’economia, lo stato non può vivere senza l’economia, ma Putin ha fatto di tutto per garantire che avvenisse la disintegrazione finale dell’impero russo.

Un’analisi perfetta sulle soluzioni

Posso capire il suo trauma per il crollo del suo paese natale. Una persona che ha studiato alla scuola del KGB e ha attraversato tutte le fasi della programmazione neurolinguistica, ovviamente, è stata terribilmente traumatizzata dalla fine dell’Unione Sovietica. La chiama “la più grande catastrofe geopolitica”. E capisco anche il suo desiderio di ricreare il paese che aveva perso come patria integrale, il concetto stesso che gli era caro è andato perso.

L’errore di Putin è che non capisce che una nuova unione sarebbe possibile nel 21° secolo e persino auspicabile per molti paesi – a condizione che la Russia sia una repubblica democratica, forte, vera, in cui ci sia un parlamento forte, la separazione dei poteri, l’osservanza della legge potenti istituzioni statali. Se la Russia fosse ricca ed economicamente di successo, diventerebbe una forte calamita per Ucraina, Georgia e Kazakistan. E questa unione di paesi democratici potrebbe essere chiamata Confederazione Russa.

Ma litigando con il mondo intero e con i nostri vicini più prossimi, Putin ha reso impossibile questa alleanza nella prospettiva di un secolo. 

Dopo aver trascorso vent’anni sulla sua sedia, aver ricevuto poteri monarchici, distrutto tutte le istituzioni statali, Putin ha intrapreso la strada di tutti i dittatori: lui stesso si è rivelato l’unico a capo delle istituzioni. E come ogni dittatore in una posizione in cui è circondato da lacchè, ventiquattro ore al giorno che gli dicono che è un genio, non è stato difficile diventarlo in questi anni. Una persona in una situazione del genere si degrada molto rapidamente.

E parallelamente al processo di degrado del dittatore, il paese si è complicato, la società si è complicata. Come può un dittatore, isolato dalla società, gestire una società enorme e complessa? Non c’è modo. Ciò significa che gli resta solo una possibilità: semplificare proprio questa società, farla degenerare anche lei. La guerra è la via più sicura: è il crollo della società nell’arcaico e l’opportunità di far tacere chiunque alzi la sua voce contro. Perché chi dice qualcosa contro il potere di un dittatore durante una guerra diventa un traditore della nazione.

Forse sono parole forti, ma penso che Putin sia già diverso. Non comprende affatto i sentimenti delle persone. Non è in grado di uscire dal suo mondo immaginario ed entrare nel mondo reale, dove c’è dolore per le persone, dove ci sono morti, feriti, dove ci sono emozioni, sentimenti, comprensione della storia reale. È completamente assorbito dalla sua missione, è in un mondo immaginario, crede di avere pienamente ragione, e dall’interno di questa rettitudine genera il male. Questo è di per sé terribile, il fatto che una persona del genere possa controllare le nostre vite, la vita delle persone in Ucraina, il destino del mondo, può minacciare con armi nucleari.

Il compito degli intellettuali

Ma noi (voglio dire, i miei colleghi, registi, gente di teatro) dobbiamo continuare il nostro lavoro, perché questa è l’unica cosa che possiamo fare. La nostra causa è pubblica, la nostra causa influenza le menti ei cuori. Mi sembra importante che le performance, i film, i libri che stanno emergendo non ignorino il problema, in modo che lavorino con questa situazione. Non puoi arrenderti, devi andare avanti. Ma devi avere una conversazione seria con il mondo e parlare onestamente e apertamente di ciò che sta accadendo.

Il pensiero di Putin

La Russia non ha mai vinto guerre del genere. Ma il pensiero retrogrado, che è caratteristico di Putin, tutti questi “Polovtsy e Pecheneg” nella sua testa non gli danno l’opportunità di vedere il panorama della modernità, di capire la direzione della vita, la direzione della storia. In questo senso è simile ai nostri segretari generali sovietici che volevano far girare i fiumi siberiani. Questo è il pensiero che non gli permette di guardare al futuro, è tutto passato, mente e cuore, e questo passato non gli dice nulla, se non il desiderio di restituire ciò che non può essere ritornare. Il crollo di un impero è assolutamente inevitabile e logico, tutti gli imperi cadono a pezzi a causa della loro natura.

L’impero sovietico non poteva dare nulla al mondo e ai suoi satelliti, alle sue province, tranne la schiavitù e il sogno utopico del comunismo. Inoltre, l’impero russo non può portare nulla, non ha nemmeno un progetto, politico o sociale, c’è solo corruzione, pratiche mafiose, una struttura di potere arcaica. Cioè, non ha senso conquistare nuovi territori, se non il desiderio contadino di impadronirsi della terra.

Nessuno ha invaso i nostri confini. L’Ucraina non è un membro della NATO, non ci sono missili NATO lì. Inoltre, la NATO è un’alleanza difensiva. Prima di questo, la NATO si stava restringendo. La NATO, che si opponeva all’Unione Sovietica, era completamente diversa in termini di numero di armi e truppe rispetto a quella moderna, quasi tutto è stato ridotto in modo significativo, gli esperti militari lo sanno. Ma ora, proprio a causa di ciò che sta facendo Putin, la NATO schiererà naturalmente i suoi eserciti dieci volte più lungo i nostri confini.

Il motivo dell ‘”operazione speciale” è il desiderio del monarca di rimanere per sempre sulla sua sedia. Non vedo nessun altro motivo.

C’è il motto di Tolstoj: “Fai ciò che devi e fa’ che sia ciò che sarà”. Quindi – una conversazione franca su ciò che sta accadendo, questo è “cosa dovrebbe essere”. Per lo meno, un intellettuale in Russia oggi non può permettersi di rimanere in silenzio. Forse fino ad oggi poteva, ma ora non può più.

Perché questa strategia è autodistruttiva. Prima di tutto parlo dell’intellighenzia, di chi riflette, di chi sa capire la situazione. Poiché gran parte della società russa è illusa, le persone hanno subito il lavaggio del cervello e non vedono la verità. Ma un intellettuale che sa lavorare con le informazioni non può sbagliarsi. O è un’illusione volontaria, la “sindrome di Stoccolma”, o un compromesso consapevole con i criminali. Altrimenti è impossibile.

Ma cos’è un intellettuale?

Un intellettuale è una persona impegnata nella pedagogia, una persona che scrive libri, una persona che fa film, realizza spettacoli. Il ruolo di intellettuale permette di disperdere l’oscurità, di illuminare le persone che, anche con Internet, non riescono a raggiungere le informazioni veritiere.

Ci sono alcune cose che hanno un valore assoluto per me – la mia famiglia, i miei cari, il mio paese, la mia lingua, che amo, apprezzo incredibilmente – sono cresciuto con tutto questo, sono nato da questa lingua, da questa cultura; è l’arte che mi ha plasmato. E so che se rimango in silenzio, se mi illudo, mi inganno, perderò tutto questo. Perché la mia patria non è solo la terra e le persone che vivono in me, la mia patria sono tutte le generazioni di autori che hanno scritto libri, la mia patria sono quegli scrittori che sono stati repressi, Pushkin, che intellettualmente si opponevano alla monarchia … E se perdi questa patria, rimarrai semplicemente sulla terra – silenziosa e priva di significato.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Blog su WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: