Come può diminuire la disoccupazione

Resto al sud e Anticipo Naspi, il bonus rivolto ai giovani delle Regioni meridionali.

Resto a Sud e l’anticipo Naspi sono due nuove opportunità pensate per diminuire la crisi economica, incentivando l’apertura di nuove attività commerciali.

I due incentivi non possono però essere richiesti contemporaneamente.

Resto al sud, cos’è e come funziona?

Si tratta di un incentivo rivolto ai giovani del Sud Italia e di alcune zone del centro colpite da terremoti (Abruzzo, Basilicata, Calabria, Campania, Lazio, Marche, Molise, Puglia, Sardegna, Sicilia e Umbria)

Il bonus ha lo scopo di promuovere la creazione di nuove imprese. Il finanziamento è pari a 50mila euro per ciascun richiedente, diverso invece se la domanda viene fatta da una società, poiché a quel punto, ogni socio potrà ricevere un finanziamento fino un totale massimo di 200mila euro.

Tutto viene gestito e affidato a INVITALIA (agenzia nazionale per l’attrazione degli investimenti e lo sviluppo d’impresa S.p.a.) che spiega avviene:

  • il 35% a fondo perduto
  • il 65% a tasso quasi zero da rimborsare entro 8 anni di cui i primi due anni in preammortamento

Chi può accedere a questo finanziamento

Fascia di età compresa tra i 18 e i 35 anni, ma di recente il limite di età è stato prolungato fino a 45 anni. Oltre all’età i requisiti devono essere:

  • La residenza nelle Regioni indicate dalla legge al momento della domanda e/o vi si trasferiscono entro 60 giorni o 120 giorni se risiedono all’estero.
  • Non siano titolari di altre attività d’impresa
  • Non abbiano ricevuto altre agevolazioni nell’ultimo triennio
  • Non devono avere un lavoro a tempo indeterminato
  • Si impegnano a non averlo per tutta la durata del finanziamento

Le attività imprenditoriali che possono accedere all’agevolazione

Produzione di beni nel settore industria, artigianato, trasformazione dei prodotti agricoli, pesca e acquacoltura, fornitura di beni e servizi alle imprese e alle persone e servizi al turismo.

Resto al sud: Come fare domanda

La domanda deve essere presentata tramite il sito INVITALIA. Inoltre, deve essere presentata con tutti i documenti richiesti e con il progetto che l’imprenditore intende attuare. Ci vogliono circa 60 giorni per avere una risposta.

Anticipo NASPI

La NASPI (Nuova Assicurazione Sociale Per l’Impiego) è stata istituita con Decreto Legislativo n.22 del 4 marzo 2015, rappresenta un aiuto economico mensile previsto per le persone che hanno perso il lavoro.

Possono fare domanda: lavoratori dipendenti sia pubblici che privati (assunti anche a tempo determinato), apprendisti e/o soci di cooperative. Per poter usufruire di questo assegno si deve fare domanda all’INPS pena di decadenza.

Chi ha diritto all’indennità di disoccupazione può chiedere così la liquidazione anticipata per avviare un’attività imprenditoriale propria.

La domanda

Deve essere presentata entro 30 giorni dall’inizio dell’attività e va sempre presentata online all’INPS, oppure si può contattare il numero verde dell’INPS o affidarsi ad un CAF.

Importante allegare la documentazione che attesti l’inizio dell’attività, altrimenti non si viene accettati.

Per le cooperative invece, deve essere dichiarata l’avvenuta iscrizione al Registro delle Imprese e nell’Albo Nazionale delle Società Cooperative, dove si deve indicare anche la data di sottoscrizione delle quote di capitale sociale della cooperativa.

Naspi, cos’è e a chi spetta?

La Naspi spetta ai lavoratori subordinati che hanno perso involontariamente il lavoro. Per poter richiedere l’assegno di disoccupazione bisogna avere almeno 13 settimane di contribuzione versata nei 4 anni precedenti l’inizio del periodo di disoccupazione.

Imprese e Start up ormai nascono ovunque, indice di una voglia di mettersi in gioco, soprattutto dei giovani. Nonostante il fatto che vi sia una costante percentuale di persone che non si formano e non lavorano, l’altra faccia della medaglia ci racconta di persone che hanno voglia di fare. Abbiamo ampiamente parlato dello smart working, dei freelance, della creator economy e di come, spesso, un lavoro bisogna inventarselo con le proprie mani. A volta basta una buona idea.

Fonte: Millionaire

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

Blog su WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: