Istituto Superiore Sanità: Report sulle caratteristiche dei pazienti deceduti positivi a COVID-19

Il Report sulle caratteristiche dei pazienti deceduti positivi al COVID-19 in Italia è basato su dati aggiornati al 20 marzo 2020. 

Purtroppo non tutta la popolazione è stata sottoposta al tampone per la positività al Coronavirus, per cui i dati relativi ai deceduti positivi rappresentano solo un termometro (importante strumento) per poter analizzare l’andamento della pandemia.

Avere un quadro delle caratteristiche dei pazienti deceduti aiuta a comprendere meglio in che modo si evolve l’epidemia, e di conseguenza imparare a conoscere un nemico invisibile può aiutare a fare le mosse giuste e ad avere meno paura.

Il Report descrive le caratteristiche di 3200 pazienti deceduti e positivi al COVID-19 – La prima cosa da sottolineare e che anche la Protezione Civile rammenta durante la quotidiana diramazione del bollettino è che non è possibile sapere la causa certa del decesso dei pazienti positivi, proprio perché nella maggior parte dei casi si tratta di pazienti con pre-esistenti patologie. 

DATI AGGIORNATI AL 20 MARZO 2020

ETA’ MEDIA 78,5  – LE DONNE HANNO UN’ETA’ PIU’ ALTA (82) – UOMINI (79)

PATOLOGIE PIU’ COMUNI OSSERVATE NEI PAZIENTI DECEDUTI: CARDIOPATIA ISCHEMICA, FIBRILLAZIONE ATRIALE, ICTUS, IPERTENSIONE ARTERIOSA, DIABETE MELLITO, DEMENZA, BPCO, CANCRO ATTIVO NEGLI ULTIMI 5 ANNI, EPATOPATIA CRONICA, INSUFFICIENZA RENALE CRONICA – TALE DATO E’ STATO OTTENUTO SUL 15% DEL CAMPIONE COMPLESSIVO

FASCE

Complicanze
L’insufficienza respiratoria è stata la complicanza più comunemente osservata in questo campione (96,5% dei casi), seguita da danno renale acuto (29,2%), danno miocardico acuto (10,4%) e sovrainfezione (8,5%).
Terapie farmacologiche
Durante il ricovero, l’84% dei pazienti deceduti COVID-19 positivi assumeva terapia antibiotica, meno utilizzata era la terapia antivirale (54%) e quella steroidea (31%). Il comune utilizzo di terapia antibiotica può essere spiegato dalla presenza di sovrainfezioni o è compatibile con inizio terapia empirica in pazienti con polmonite, in attesa di conferma laboratoristica di COVID-19. Nel 18.6% dei casi sono state utilizzate tutte e 3 le terapie.
Prima del ricovero in ospedale, il 36% dei pazienti deceduti COVID-19 positivi seguiva una terapia con ACE-inibitori ed il 16% una terapia con Sartani (bloccanti del recettore per l’angiotensina). Questo dato può però essere sotto-stimato in quanto non sempre dalle cartelle cliniche era possibile evincere la terapia eseguita prima del ricovero.

sintomi

statistica

Decessi di età inferiore a 50 anni

Alla data del 20 marzo sono 36 dei 3200 (1.1%) pazienti deceduti COVID-19 positivi di età inferiore ai 50 anni. In particolare, 9 di questi avevano meno di 40 ed erano 8 persone di sesso maschile ed 1 di sesso femminile con età compresa tra i 31 ed i 39 anni. Di 2 pazienti di età inferiore ai 40 anni non sono disponibili informazioni cliniche, gli altri 7 presentavano gravi patologie pre-esistenti (patologie cardiovascolari, renali, psichiatriche, diabete, obesità).

fonte: Epicentro ISS

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Blog su WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: