Covid-19:Come evitare il contagio nei giorni della riapertura

In un post, Erin Bromage, professore associato di biologia all'Università  di Dartmouth, immunologo, spiega perché non bisogna abbassare la guardia, soprattutto ora che le autorità hanno disposto l'allentamento delle misure restrittive, e come possiamo evitare il rischio di contagio. In questo momento pare che molte persone stiano tirando un sospiro di sollievo, e non sono sicuro del perché. Una curva epidemica ha una fase ascendente relativamente prevedibile, e dopo aver raggiunto l’apice anche la fase discendente può essere intuibile.

Coronavirus: contattare i negozianti, confrontare i prezzi e prenotare la prova o il ritiro senza code né assembramenti. Possibile grazie alla startup Ilovecomm

Nella fase 2 di riapertura per il COVID-19  sarà previsto un ingresso scaglionato per tutte le attività commerciali, come avviene oggi per supermercati e farmacie. Ilovecomm offre un servizio di prenotazione validato e sul mercato da tre anni che permette all’utente di richiedere il prodotto simultaneamente a più negozi, ricevere varie proposte di prezzo in breve  tempo e prenotare nel negozio che ritiene più conveniente ma non solo : il cliente può prenotare la fascia oraria di prova o ritiro

Tracciamento dei positivi Covid-19

Fin dall'inizio della Pandemia si è compresa l'importanza dei tamponi, ma oggi alle soglie della fase 2 è di fondamentale importanza, perché in caso contrario potrebbero essere vanificati tutti gli sforzi fin ora fatti.

La nostra vita diventa Smart

Dalla reclusione forzata abbiamo riscoperto la parola Smart. Non poteva, questa parola colpirci prima, tanto presi dalle nostre cose, dalla velocità dei gesti, dal traffico e dagli impegni. Già da molti anni, in effetti, si parla di Smart City, e una delle città italiane più Smart è Brescia, ma anche Bergamo e Milano. Si tratta di un modello studiato per facilitare la vita dei cittadini, per migliorarla, per far sì che la città diventi funzionale ai bisogni dei suoi abitanti, i quali possono interagire con strumenti innovativi, che riguardano la sostenibilità e l’energia, metodi per l’inclusione sociale, mobilità integrata, salvaguardia dei beni artistici. Vivere in una Smart city significa anche sinergia fra i privati e il pubblico, reti wi-fi in prossimità di zone strategiche, sensori che allertano in caso di emergenze, videosorveglianza, punti di ricarica elettrica, promozione turistica e tutto ciò che può far vivere meglio e in modo Smart.

Coronavirus: Resistere e sopravvivere

Si tratta di una guerra, e questo probabilmente non è del tutto falso, ma non solo in termini di salute e contagi. Soprattutto si tratta anche di una guerra di informazioni, non vi è un programma, una notizia che non affronti il tema del Coronavirus. Eppure alcuni giornali hanno tentato di placare gli animi, pubblicando statistiche su quanti decessi avvengono ogni anno per Influenza stagionale e per altre patologie. I dati ufficiali dei decessi per Covid-19, poi parlano delle caratteristiche dei pazienti deceduti, e  in effetti,  le  patologie sono più di una e anche serie nei pazienti deceduti per il virus.

Negozi, il delivery alla portata di tutti: l’iniziativa di Satispay e la soluzione per i piccoli negozianti

I primi a essere colpiti dalla crisi economica, causata dal Coronavirus sono stati sicuramente i piccoli negozi al dettaglio, i quali già in tempi non sospetti subivano la concorrenza sleale dei grandi centri commerciali aperti anche durante le festività. Solo alcuni hanno resistito alla grande concorrenza, per diversi motivi, per una realtà radicata da anni, per le competenze, ma questa nuova crisi rischia di spazzare via alcune realtà. 
Satispay lancia nuove funzionalità per la gestione di delivery da parte dei negozianti. L’app permetterà di ordinare via telefono, pagare tramite smartphone e scegliere la modalità di consegna.

Sharing mobility: è il momento di investire con il Crowdfunding

Grazie al Crowdfunding è possibile investire somme anche minime, diventando soci di Start Up e imprese con un grande potenziale di crescita sul mercato. Da anni l'economia è diventata Green e punta a perfezionare i suoi livelli. In tempo di Coronavirus abbiamo sperimentato, se non altro aria più respirabile e senza smog. Questo è il segno tangibile che i tempi stanno cambiando, si è ricorso allo Smart Working, agli acquisti intelligenti on line e in questo contesto la Sharing Mobility è sicuramente il futuro. Meno smog vuol dire anche meno patologie, consumi più contenuti ed ecosostenibilità. Meno traffico non vuol dire solo meno malattie (allo smog sono legate patologie cardiovascolari e polmonari), ma anche meno stress. Le strade rese deserte dallo Smart Working hanno visto andare a picco i livelli di polveri sottili. Sulla scia dell'ecosostenibilità, dell'intelligenza e di un modello di Smart City mai decollato, si potrebbero trovare interessanti opportunità di guadagno nel mondo del Crowdfunding, come dimostra la nuova campagna di Zig Zag, i cui dettagli sono riportati di seguito. Dobbiamo renderci conto che l'emergenza sanitaria che stiamo vivendo può e deve essere trasformata sotto l'etichetta Smart, dove sono  Smart solo le City, il Working, la Mobility, gli acquisti, ma soprattutto le nostre teste. Più consapevolezza nei consumi, negli investimenti e nell'ambiente che ci circonda, riducendo il superfluo e l'inquinamento, questi sono i punti di forza su cui bisogna ricostruire la nostra vita post-Covid-19.  

Blog su WordPress.com.

Su ↑