Covid: Cosa c’è dietro ai vaccini, ai virus e alle industrie farmaceutiche

Chi paga il vaccino contro il Covid? La proposta che le industrie farmaceutiche non dovrebbero trarre profitto dalla crisi più grave del mondo dopo la Seconda Guerra mondiale è miseramente caduta nel vuoto

L’industria farmaceutica ha da tempo realizzato profitti esorbitanti sfruttando la ricerca svolta dal settore pubblico. Un interessante articolo apparso su TheGuardian spiega perché il vaccino contro il Covid non sarà a beneficio di tutta l’umanità.

Evviva la notizia di un vaccino che potenzialmente offre una protezione del 90% contro il Covid-19 salverà l’umanità stanca dei blocchi, e tutti quelli che oggi espongono striscioni, presto applaudiranno  le grandi aziende farmaceutiche.

Queste ultimi rappresentano semplicemente un socialismo per ricchi, imprese private che dipendono dalla ricerca e dall’innovazione del settore pubblico per realizzare profitti colossali, spesso sulla pelle dell’umanità.

Pfizer e il suo partner biotech tedesco, BioNTech, guadagneranno l’incredibile cifra di 9,8 miliardi di sterline l’anno prossimo da un vaccino contro il coronavirus si legge nell’articolo. Le voci che giravano sul fatto che le aziende farmaceutiche non dovrebbero trarre profitto dalla crisi più grave del mondo dalla seconda guerra mondiale sono stati liquidati a luglio come ” radicali ” dal CEO della Pfizer; e, forse, molti trascureranno tali profitti in mezzo all’ondata di gratitudine. Ma l’affermazione della Pfizer di ” non aver mai preso soldi dal governo degli Stati Uniti, o da nessuno ” non è vera: le grandi aziende farmaceutiche dipendono dalla munificenza del settore pubblico.

Lo stesso vaccino sperimentale Pfizer / BioNTech utilizza una tecnologia di proteine ​​spike, secondo quanto riferito, sviluppata dal governo degli Stati Uniti : senza lo stato, questo vaccino probabilmente non sarebbe stato sviluppato così rapidamente. Mentre quasi 10.000 vite umane vengono perse in tutto il mondo ogni giorno a causa della pandemia, il CEO di Pfizer incassa i primi soldi, vendendo 5,6 milioni di dollari in azioni. (Un portavoce ha detto ad Axios che la vendita faceva parte di un piano predeterminato creato ad agosto).

Le aziende farmaceutiche sono monopoli globali, a cui viene concesso il diritto di addebitare qualunque cosa il mercato sia disposto a tollerare per i nuovi farmaci che producono  afferma Nick Dearden di Global Justice Now, che chiede che i brevetti sul vaccino Pfizer siano sospesi. I brevetti concedono diritti esclusivi per produrre e vendere i farmaci per 20 anni, impedendo la fornitura di versioni generiche più economiche. Questo è un settore non guidato dalla cura delle malattie, ma purtroppo dai profitti degli azionisti: ad esempio, una recente ricerca ha scoperto che le entrate derivanti dall’aumento dei prezzi dell’insulina sono state investite sugli azionisti piuttosto che sulla ricerca e sviluppo. Quando le start-up nascono per sviluppare farmaci innovativi, le grandi aziende farmaceutiche li acquistano e interrompono persino lo sviluppo di tali nuovi trattamenti per soffocare la concorrenza.

Due esempi particolarmente orribili di questa industria farmaceutica alla deriva. Mentre milioni di africani stavano morendo a causa della pandemia di HIV / Aids, le grandi aziende farmaceutiche hanno tentato di bloccare i governi a corto di denaro che importano versioni più economiche di farmaci salvavita. Eccone un altro: l’aumento delle infezioni resistenti agli antibiotici è un’emergenza forse addirittura paragonabile alla crisi climatica. Eppure le aziende farmaceutiche non sono riuscite a investire nello sviluppo di nuovi farmaci – sorprendentemente, non è stata sviluppata alcuna nuova classe di antibiotici per quasi quattro decenni – perché semplicemente non è redditizia. Questo colossale fallimento ha portato l’ex “zar dei superbatteri” del governo Jim O’Neill a suggerire che le compagnie farmaceutiche nazionalizzate potrebbero essere l’unica risposta.

Dobbiamo rispondere al Covid con cooperazione, solidarietà ed equità , afferma Diarmaid McDonald di Just Treatment, che sta conducendo una campagna contro gli accordi segreti tra il governo e le grandi aziende farmaceutiche su qualsiasi vaccino. Ma il modello big-pharma è l’antitesi di questo: si tratta di modelli di business chiusi, che si concentrano su sforzi competitivi fatti isolatamente per non fornire i migliori risultati a tutti, ma i maggiori profitti possibili per l’azienda.

In risposta alla pandemia dei primi anni 2000 causata dalla Sars – anch’essa un coronavirus – i governi si sono impegnati ad aumentare gli investimenti nella ricerca, contribuendo a sviluppare promettenti vaccini candidati, che avrebbero potuto essere utilizzati contro il Covid-19. Ma le aziende farmaceutiche hanno abbandonato la ricerca. Perché? Perché era improbabile che fosse immediatamente redditizio. La situazione peggiora: le principali aziende farmaceutiche hanno bloccato una proposta dell’UE nel 2017 per accelerare i vaccini per i patogeni come il coronavirus.

Il no all’accesso universale del vaccino Covid

Il mese scorso, India e Sudafrica hanno chiesto all’Organizzazione mondiale del commercio di dare ai paesi il potere di non concedere né applicare brevetti legati ai farmaci e ai vaccini Covid-19 fino al raggiungimento dell’immunità globale. Questa settimana, sono stati sostenuti dai principali esperti dei diritti umani delle Nazioni Unite che hanno invitato i governi a garantire l’accesso universale a un vaccino. Ma tali proposte vengono bloccate, mentre un piccolo numero di paesi ricchi ha stipulato accordi per oltre un miliardo di dosi del vaccino Pfizer-BioNTech, lasciando meno di un quarto di ciò che si prevede di essere prodotto per il resto del mondo.

Il coronavirus dovrebbe servire a ricordare le disastrose conseguenze del lasciare un’industria salvavita nelle mani di un monopolio di profitti. La Gran Bretagna è migliore della maggior parte dei paesi: il National Institute for Health and Care Excellence (Nizza) ha una notevole influenza sulle aziende farmaceutiche essendo in grado di giudicare se i loro farmaci hanno un buon rapporto qualità-prezzo per il NHS.

Con un vaccino che funzioni, l’immunità universale  potrebbe essere possibile senza provocare altri milioni di morti. Dopo tutto, si tratta di una catastrofe globale: fino a 150 milioni di persone in più saranno portate in povertà estrema entro il prossimo anno a causa della pandemia. Sono morte centinaia di migliaia, da Nuova Delhi a Rio de Janeiro, mentre intere economie sono state devastate. Ma un’industria farmaceutica che da tempo ha realizzato profitti esorbitanti sfruttando la ricerca del settore pubblico ha ottenuto il suo pass di denaro più redditizio. Quindi sì, rallegriamoci per il vaccino in arrivo, ma non  facciamo i complimenti a un’industria farmaceutica che dal punto di vista morale e umano è alla deriva.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Blog su WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: