I social fondamentali nelle scelte di acquisto degli italiani

Il rapporto Italiani e social si consolida: i social sono sempre più determinanti per informazioni, acquisti, tendenze, influencer e influcer

Blogmeter ha pubblicato il  4° rapporto sull’utilizzo dei social media, fotografando gli italiano on line

I social sono sempre più utilizzati dagli italiani non solo per mantenere contatti con amici e parenti, ma anche per seguire l’informazione e per fare acquisti. La tendenza va avanti ormai da anni, infatti, i social si sono trasformati in uno strumento commerciale potentissimo. Le aziende, grazie al profilo social hanno visto consolidarsi la brand reputation, perché gli utenti prima di acquistare qualsiasi prodotto, consultano la reputazione social di quella società. Sui social i consumatori trovano foto, prodotti, servizi, ma anche recensioni, più che un consulto, si anticipa un’emozione, quella che darà quel prodotto o servizio.

Si tratta, però di un campo che muta troppo in fretta, che bisogna seguire con attenzione. Secondo la recente ricerca  Facebook e Youtube si confermano i social più utilizzati, seguiti da Instagram e TripAdvisor. Questo è il risultato della quarta edizione della ricerca “Italiani e social media” pubblicata da BlogMeter, con la collaborazione di NORSTAT, ACS Marketing Solutions, Wavemaker e GroupM.

Lo studio ha preso in esame un campione di 1.703 residenti in Italia, iscritti ad almeno un canale social. L’obiettivo era quello di individuare i motivi per i quali gli italiani utilizzano i social network e il profilo che più rappresenta gli utenti italiani.

Fra i giovani ci sono delle novità: nella fascia 15-24 anni si afferma TikTok, mentre un altro campione preferisce  Twitch, già diffuso fra il 12% del campione intervistato. Quest’ultimo è un sito di streaming di Amazon sul quale si trovano contenuti riguardanti gli eventi sportivi e i videogiochi. Fra le persone che superano i 45 anni si afferma ancora una volta Facebook, mentre per quanto riguarda la comunicazione e la messaggistica Messenger, Skype, Telegraf e Whatsapp.

I motivi che spingono gli italiani ad essere social

I motivi per i quali si usano i social continuano ad essere gli stessi: informazione e restare in contatto con amici e parenti, guardare foto e video. Circa il 12% degli utenti che utilizzano i social lo fanno per cercare visibilità, infatti postano contenuti propri, foto e video.

Un altro motivo che spinge gli italiani a utilizzare i social sono gli acquisti, infatti, Blogmeter ha stilato una classifica, in base a cosa è determinante negli acquisti: il 57% si fida del passaparola tradizionale, il 38% dei social, il 29% degli Influencer, il 47% della pubblicità in tv. Anche per chi è molto social, il canale televisivo è sempre quello più forte, perché più immediato, consigli e descrizioni arrivano senza andarli a ricercare.  I social, inoltre,  si dimostrano inoltre per le opinioni dei consumatori, infatti, il 19% degli italiani ha cambiato idea su un prodotto (e il 16% su un brand) dopo aver consultato un contenuto social.

Il ruolo degli Influencer

I social sono importanti negli acquisti  per 4 italiani su 10 e quello degli influencer per 3 su 10. La maggior parte degli intervistati segue gli influencer perché parlano di cose interessanti, specie se si tratta di temi sociali o prodotti.

Un ruolo diverso lo assumono gli Influcer 

Il termine Influser è stato coniato da un’agenzia milanese, “Influse”, che ha captato questa nuova forma di marketing o nuovo lato di “influencer” (il lato più umano, più naturale, come molti amano definirlo)  e sta cercando di studiare i comportamenti dei potenziali influser, quel processo naturale che si chiama “influenza” come fenomeno che ha la capacità di guidare.

 

Nuove tendenze Marketing

Il cliente, oggi sempre più on line, cerca emozioni attraverso gli acquisti; infatti quando decide di approcciarsi  ad un prodotto o ad un servizio, quest’ultimo deve creare emozioni positive.

Da quanto detto, deriva che il brand non deve essere una macchina per far soldi, ma deve creare esperienze, attraverso l’unicità, l’originalità dei contenuti e dei servizi offerti. Elemento imprescindibile per un’azienda è la conoscenza del target a cui si riferisce.

Il marketing è uno dei  settori che ha subito più mutamenti, grazie anche al progresso dei sistemi tecnologici e soprattutto con la diffusione del web in ogni angolo del mondo. I cambiamenti sono avvenuti perché l’utente non si accontenta più dello spot, che gli propina la radio o la tv; ora il consumatore vuole conoscere, vuole informarsi e toccare con mano ciò che sta acquistando. Questi sono i  motivi per i quali un brand deve sempre trovarsi al passo con i tempi e continuare a conformarsi al cambiamento in atto.
I cambiamenti sono repentini ed istantanei, basti pensare alle chat sia sui siti web sia sui social. Le nuove tendenze in fatto di marketing in quest’anno riguardano sicuramente i contenuti, i quali sono costruiti dopo un’attenta analisi del target di riferimento. La principale domanda, infatti, che prescinde da qualsiasi strategia o tendenza è a chi ci si riferisce, a quale mercato, a quali bisogni, insomma al target di riferimento per quel prodotto o servizio. Ne deriva che i contenuti dovranno essere il più possibile creati su misura per l’utente. La conseguenza è che lo strumento più adatto a fare ciò è  l’e-mail marketing, vale a dire l’invio di e-mail personalizzate.

Instagram, social numero Uno nei prossimi anni

Instagram, il social delle foto, delle immagini e dei video racconta le storie; infatti la forza delle immagini qui vale oro. Ecco il motivo per il quali questo social continuerà a diffondersi sostituendosi addirittura agli e-commerce. Ultimamente Instagram ha aggiornato e introdotto molti servizi, fra cui funzionalità che aiutano le aziende a vendere on line, e che assistono coloro che invece fanno shopping on line.

Abitudini nuove mai passate

Il rapporto con il cliente è un elemento che non va mai perso, nonostante l’avvento delle numerose tecnologie, social e così via.  Con l’ausilio di chatbot, i cliente può contare su  un’assistenza h24,  viene fidelizzato, in modo da aumentare i contatti e quindi i profitti.  La conversazione fra azienda e cliente finale è alla base del marketing. E’ un modo per instaurare un rapporto di fiducia reciproca.

Il ruolo della Seo

L’utente, oggi sul web cerca emozioni, l’acquisto di un prodotto o un servizio devono diventare un’esperienza unica, attraverso un contenuto di qualità, un’informazione adeguata, in modo da renderlo partecipe di tutte le sue scelte. In questo contesto, resta invariato il ruolo della Seo, la cui applicabilità, però diventa sempre più difficile. Infatti, Google modifica continuamente gli algoritmi e punta sulla qualità, sulla reputazione e l’autorevolezza di un brand. Infine, sempre più utenti scelgono la ricerca vocale, perché più veloce e immediata, altro cambiamento. Inoltre un’azienda oltre al Know how, all’affidabilità deve offrire una serie di elementi coma la sicurezza, la tutela della privacy e la qualità che prescindono da qualsiasi esperienza altra cosa.

 

Blog su WordPress.com.

Su ↑