Come reagire alla perdita del posto di lavoro

Un’amica di vecchia data mi ha chiesto di fare un articolo sulla sua azienda, illustrando le diverse attività e l’importanza che quest’ultima riveste sul territorio, intervistando lei. Lei è donna lavoratrice al meridione, e forse ciò potrebbe bastare, non ci sarebbe bisogno di altre parole, ma lei ha voluto spiegare in qualche modo la scelta di apparire in prima persona.

Ecco, la parola giusta, la chiave di tutto venuta fuori quasi casualmente Prima persona”emersa come le poche e brevi frasi che la mia amica mi ha quasi sussurrato: <<Parliamoci chiaro, qui lavori tanto e dai molto, poi tentano di offuscarti e di non farti emergere. Ciò che faccio di buono serve anche ad altri (questa si chiama collaborazione, fondamentale in qualsiasi lavoro), nel senso che è utile per raggiungere dei risultati, che in genere non sono mai merito di singoli, ma di un lavoro di tante persone. Quello che vorrei far comprendere è che se altri emergono, dietro c’è sempre altro e quindi anche il mio impegno. Non mi è mai interessato sminuire gli altri, ma vorrei puntare su me stessa e dare valore a quello che faccio per me e per gli altri>>.

Riflettendo ho capito una cosa, forse grazie anche al grande (spesso ingombrante) senso critico che segna il mio percorso di vita; sintetizzando dopo un’attenta analisi di quelle parole, credo che la mia amica abbia voluto comunicarmi una cosa importante, segno distintivo della società in cui viviamo: Tu lavori e gli altri sono bravi. 

In un articolo apparso, pochi giorni fa sul sito dell’Ansa si parla della perdita del lavoro e di come questo per molti rappresenti un trauma dal quale bisogna salvarsi assolutamente. Una percentuale abbastanza consistente di uomini e donne pensa che la perdita del lavoro sia più dolorosa della fine di una relazione. A questo proposito, gli esperti consigliano di reagire il più presto possibile, stilando una lista delle proprie competenze e raccomandano di non farsi sopraffare dalla depressione, molto frequente in questi casi. Libri di testo e siti web spiegano come trovare lavoro, ma la ricollocazione è un percorso abbastanza tortuoso. Come reagire alla perdita di lavoro? Indubbiamente, bisognerà esternare la propria rabbia e mai reprimerla, rispettare i propri tempi di recupero, acquisire consapevolezza e più di ogni altra cosa trovare motivazioni. Rialzarsi da un brutto colpo e recuperare la fiducia in se stessi è un’impresa molto ardua, che solo chi ci è passato può capire. Di motivi per reagire ce ne sono, si possono, anzi si devono trovare, inventarseli, se necessario, cercarli per far leva su di essi. Molti esperti consigliano di trovare nuovi stimoli, se necessario frequentando nuovi corsi professionali o di aggiornamento per reinserirsi nel mondo del lavoro, magari con nuove competenze.

Una considerazione, però  va fatta anche sulle diverse correnti di pensiero che vi sono non solo all’estero, ma anche in Italia, che caratterizzano il rapporto fra imprenditori e lavoratori. Negli ultimi tempi (ma anche no, se si va indietro nel tempo si trovano tanti esempi), le aziende stanno puntando su quello che si chiama fattore umano, perché hanno finalmente compreso che il benessere del lavoratore è al centro del successo di un’azienda, del risultato, dei profitti. Oltre agli asili nido nei luoghi di lavoro, per permettere alle madri lavoratrici di poter stare accanto ai figli, trovano spazio momenti ricreativi, palestre, centri di counseling, volti alla risoluzione dei conflitti interpersonali e per aumentare il benessere generale dei lavoratori. Ciò accadeva anche tanti anni fa, sintomo che il progresso non è mai un’occasione che tutti prendono al volo.

Alcune imprese preparano un pacchetto di servizi, per migliorare la vita privata dei dipendenti, introducendo orari flessibili o anticipando bisogni e necessità, che chi svolge un lavoro a tempo pieno non potrebbe soddisfare. Vi sono figure, all’interno dell’azienda che aiutano le persone a occuparsi di assistenza medica o pratiche burocratiche e così via. 

Altre statistiche mostrano come una percentuale alta, circa il 70 – 80% di lavoratori si senta demotivato sul posto di lavoro. Per contrastare questo sentimento molto diffuso, vi sarebbero il riconoscimento del lavoro, i premi di produzione e l’ apprezzamento per le attività svolte che servirebbero a rendere il lavoratore più motivato e produttivo. (Alcuni di questi rimedi sono addirittura a costo zero, come i complimenti). L’autostima è qualcosa alla quale non è possibile rinunciare, il lavoro non serve per generare profitti o per ottenere uno stipendio alla fine del mese, ma rende l’individuo indipendente e soddisfatto di se stesso, lo fa sentire utile; e questa è una sensazione vitale per tutti, è uno status irrinunciabile.

Molte aziende si preoccupano di come il lavoratore debba raggiungere il luogo di lavoro, e per questo attivano car sharing, promozioni sull’acquisto di bici e permettendo a rotazione il lavoro da casa. Qualcuno ha pensato all’alimentazione dei suoi dipendenti, a una dieta sana introducendo prodotti genuini nelle mense o con la concessione di buoni pasto. Infine, imprenditori lungimiranti hanno pensato bene di introdurre la convivialità nei luoghi di lavoro, organizzando feste legate a obiettivi raggiunti, cene o semplici incontri settimanali, per migliorare le relazioni personali e rafforzare lo spirito di gruppo. La cultura e i libri, la cucina e tanti altri aspetti della vita non sono lasciati fuori dall’occupazione principale, perché si inseriscono bene in un percorso, che appartiene al lavoratore, in quanto essere umano. 

La fotografia che esce dalle statistiche citate, dai fatti e dalla percezione della realtà lavorativa maggiormente diffusa negli ambienti sociali, assume più le sembianze di un quadro con diverse sfumature e tante verità.

Qual è il punto allora? Dov’è il problema? Ho deciso di lasciare fuori dal quadro, altre realtà troppo dure da affrontare, legate allo sfruttamento più totale e alla disintegrazione della dignità umana, come quelle esistenti soprattutto nei paesi in via di sviluppo.

Allora? Perché il quadro che stiamo guardando ha tanti colori, mostra tratti offuscati e diversi scenari, panorami che si aprono e si chiudono? Preoccuparsi per gli altri non entra in nessuna voce di un bilancio, chiedere se qualcuno ha bisogno di qualcosa o offrirgli un caffè non fa parte del Business Plan; è uno stile di vita, una forma mentis. La gentilezza e il sorriso sono l’espressione più alta che un essere umano possa raggiungere, e stare bene se stanno bene gli altri è un concetto che solo poche persone comprendono veramente.

Un imprenditore che non riconosce e non apprezza un suo dipendente che problema ha mi chiederete? Crediamo davvero, che tutto il discorso legato ai complimenti, alle gratifiche, al riconoscimento e al rispetto sia semplicemente e banalmente un fattore soldi? Assolutamente no. 

Il lavoro è un solo un aspetto della vita e l’avarizia è in questi casi, la cosa più lontana dal denaro. Vi sono individui che sentono il bisogno di denigrare gli altri, per sentirsi importanti; “se l’altro è il peggio, io sono il migliore” è il loro mantra.

Essere avari di complimenti, di piccole concessioni, cercare campi di competizione insignificanti, solo per prevalere sull’altro denota una ristretta mentalità e problemi ben più gravi. Si può offendere sottilmente, pesantemente o addirittura minacciare, ma il concetto è semplice e offre una massima sintetizzata, nella frase affiorata dai ragionamenti della mia amica, la quale ha rappresentato, senza volerlo e con parole sue: Tu lavori e gli altri sono bravi. 

Per tutto il resto, la vita è qualcosa che si può sempre inventare o dipingere (o ammirare), come un quadro, in fondo nessuno è nato Picasso… ma ci possiamo impegnare!

 

 

Life Learning: la piattaforma leader di corsi on line

Life Learning è una piattaforma di corsi on line; nel 2014 Rodrigo Di Lauro e Federica Marrone, due formatori decidono di investire sulla conoscenza, perché si accorgono che le aziende chiedono competenze e formazione costanti, in un mondo del lavoro in continua evoluzione. L’impresa nasce e opera nei primi tempi a Pescara, dove il progetto non ha molto successo. 

Dall’analisi dei risultati, i due ideatori decidono di sbarcare on line, in questo modo nasce Life Learning, la quale riceve da un venture capital un finanziamento e inizia a crescere e a specializzarsi sempre di più. Da allora attraverso il sito è possibile ottenere certificazioni on line riconosciute.

Quali sono le competenze più richieste nel mondo del lavoro?

Le competenze più richieste dal mercato del lavoro non sono un mistero: in particolar modo quelle relative al web e alle vendite. L’offerta però piano piano si allarga anche ad altri settori come il marketing, la cucina, il benessere. I fondatori di Life Learning si accorgono ben presto che le persone in rete richiedono di allargare costantemente le proprie competenze in tutti i campi. La conoscenza diventa business.

Oggi Life Learning punta molto anche sulle certificazioni: corsi per ordini professionali, aziendali obbligatori, tanto che sono molte le aziende e le PMI che si rivolgono alla piattaforma per formare i propri dipendenti. Life Learning ha attualmente oltre 2500 corsi on line e il metodo di studio è fra i più avanzati e semplici. Acquistando un corso sarà possibile accedere al materiale didattico per sempre, inoltre vi è un tutor on line per qualsiasi domanda dovesse sorgere al corsista. I corsi sono strutturati con una introduzione, una parte scritta e dei video tutorial, per facilitare l’apprendimento. Le lezioni possono essere seguite e ripetute un’infinità di volte. Inoltre lo studente potrà fare delle esercitazioni ed infine un test finale (che potrà ripetere se non dovesse superarlo) che gli farà ottenere un attestato riconosciuto in 160 paesi e trovare più facilmente lavoro.

Metodo di studio on line con tutor a disposizione

Gli insegnanti che realizzano i corsi on line sono Manager ed esperti conosciuti e molto accreditati nel loro campo. Alcuni corsi raggiungono un numero di iscritti davvero impressionante, anche grazie al sistema di commenti e recensioni che ciascun iscritto al corso può rilasciare, direttamente sulla piattaforma.

Oggi, lo si sa benissimo, oltre l’80% delle persone che acquistano su internet lo fa basandosi molto sulle recensioni, cioè sulle opinioni di chi già ha provato quel prodotto; i corsi on line non fanno eccezione. Coloro che frequentano corsi on line, molto spesso amano parlare della loro esperienza, di quanto il corso è stato utile per la loro formazione professionale e nella ricerca di un lavoro. 

I tutor che sono molto esperti nella loro materia, riescono anche attraverso il web e tutti gli strumenti messi a disposizione da Life Learning a trasmettere allo studente la passione e la conoscenza in un modo molto naturale e semplice. I corsi possono essere seguiti dallo Smartphone e dal tablet tranquillamente anche quando ci si trova fuori casa o fuori ufficio, e questo è uno degli aspetti più importanti perché rende l’apprendimento facilitato anche dal fatto che è possibile ripetere più volte una lezione e anche a distanza di tempo. 

Inoltre le Aziende possono ottenere dei Bonus a fondo perduto  sulla formazione. Infine per chi volesse testare i corsi, vi sono molti mini corsi offerti dagli autori gratuitamente. Ovviamente si tratta di corsi in parte limitati a singole nozioni, che non sono paragonabili ai master a pagamento. 

 

 

 

 

 

Lavoro: Che aria tira? Ecco perché il Robot non sostituirà mai l’uomo

Il mondo del lavoro è cambiato già da una vita, lo dimostrano i nuovi lavori e le professioni freelance, le forme contrattuali neonate e l’infinito sottobosco di nuove skill, specie nel campo dei social, delle comunicazioni e della tecnologia in generale. Non dimentichiamo la new economy, la sharing economy e la green economy.

A differenza di come si possa pensare, i giovani di oggi, se hanno le idee chiare e la giusta preparazione riescono a trovare la loro strada molto più di quanto riuscissero a fare i loro genitori.

Un altro luogo comune da sfatare è che il futuro sia in mano ai robot. In base ad una ricerca effettuata dal gruppo Manpower, sembrerebbe che ben l’87% delle imprese abbia pianificato di aumentare i propri dipendenti. Lo studio ha inoltre evidenziato che vi è una tendenza dei datori di lavoro a favorire le nuove competenze, attraverso l’adozione di interventi mirati (corsi di formazione e non solo). Infatti, non si parla solo di conoscenze tecniche, ma soprattutto di quelle competenze che spesso non si insegnano in un’aula. Capacità comunicative e creative saranno da oggi in poi la chiave d’ingresso nel mondo del lavoro.

Gli imprenditori intervistati hanno dichiarato che hanno tutta l’intenzione di far emergere il talento dei propri dipendenti, identificando i punti di forza e i punti deboli, per costruire insieme al lavoratore un percorso professionale che inglobi anche competenze sociali ed emotive. Oggi vi sono delle piattaforme on line che offrono formazione continua e certificata, come Life Learning

Quello che cambia insieme alle competenze e al lavoro stesso è la ricerca delle risorse umane, e il metodo per individuare le caratteristiche, le attitudini, nonché le competenze e le capacità di ogni singola risorsa. Da questo studio emerge con forza che i lavoratori di oggi e quelli del futuro non dovranno mai sentirsi minacciati dai robot. La tendenza è quella di creare una forte sinergia fra il lavoro umano (insostituibile) e quello della macchina.

Le notizie che contrastano con questa teoria (non è una teoria ma si fonda su uno studio) e che i media trasmettono riguardano singoli casi, come ad esempio la perdita del lavoro a causa della riorganizzazione dell’azienda, riduzione dei costi e trasferimento dell’impresa in paesi nei quali il costo del lavoro è inferiore. I Robot prenderanno il posto dell’uomo? Sono anni che ci si interroga su questo fondamentale quesito, dimenticando molto spesso che vi sono alcune competenze che un robot non potrà mai avere, per primo il contatto umano.

painter-931711_960_720

Molti sono gli economisti che hanno parlato di questo fenomeno, alcuni hanno perfino scritto molti testi e per queste loro valide disquisizioni meritano tutto il rispetto, ma bisogna guardare al mondo del lavoro, innanzitutto con rinnovata fiducia e infine analizzandolo in tutta la sua complessità. Quello che emerge da un’attenta analisi, senza approfondire tanto tematiche strettamente economiche e tecniche (troppe teorie a volte portano da un’altra parte) è che per molti lavori che si perdono a causa di una inevitabile evoluzione tecnologica, altri mestieri e professioni nascono, si sviluppano, avanzano in un’arrestabile ascesa attuando il “cambiamento” che fiumi di articoli e libri profetizzano da anni.

Il lavoro ripetitivo, quello di un operaio o di un cassiere, per il quale non sono necessarie altre competenze oltre a quelle di imbustare e spingere tasti sulla cassa,  ha sicuramente un alto rischio di essere sostituito da una macchina.

L’intelligenza umana, la creatività e la passione, il sentimento, la capacità di potersi relazionare con i clienti,invece sono tutte competenze irripetibili perfino per un robot. In qualsiasi tipo di impiego, anche il più noioso e ripetitivo è necessario ricercare il valore aggiunto e trovarlo ad ogni costo. Bisogna affiancare alle conoscenze pratiche e tecniche quel sapore di  naturale e creativo, di unico che può avere solo un essere umano.

Negli ultimi anni, molti imprenditori in particolar modo stranieri e con una forma mentis molto allargata e “visionaria” hanno attuato uno modello di lavoro basato sempre di più sul fattore umano, inteso come miglioramento delle condizioni all’interno dell’azienda dei lavoratori. Sono nati nei luoghi di lavoro asili nido per le neo mamme, palestre e ore di ricreazione e di socializzazione; sempre più attenzione è rivolta alle persone anche attraverso corsi o workshop che valorizzino il fattore umano, l’unica risorsa che ci farà vincere qualsiasi sfida. Non bisogna andare troppo lontano per trovare imprenditori che hanno questo tipo di mentalità, a volte nemmeno nel presente o nel futuro, anche in Italia vi sono stati imprenditori che hanno cercato di migliorare le condizioni di lavori dei propri dipendenti, in un passato nemmeno troppo recente e a dispetto dei tanti luoghi comuni e pregiudizi di cui la nostra società è piena zeppa.

 

Mettersi in proprio: idee, agevolazioni e prestiti

“Mettersi in proprio”, un’idea balenata nella mente di tutti almeno una volta nella vita.  Il resto o è storia oppure è ancora da inventare. C’è chi è riuscito a mettersi in proprio, creando la proprio attività e la propria impresa, chi ha fallito o non ha nemmeno tentato e chi ci sta provando.

Innanzitutto è importante analizzare le tipologie di imprenditori e futuri, presunti imprenditori, di cui sopra. Le domande sono diverse: ci vuole un’idea vincente per mettersi in proprio? E’ questione di fortuna?  Solo chi risica rosica?

Che caratteristiche deve avere un Imprenditore?

Gli imprenditori di oggi hanno una sostanziale differenza con quelli del passato. negli anni scorsi, infatti, bastava essere un buon falegname, un buon elettricista o idraulico e un buon giro di conoscenti e amici che l’impresa era bell’e fatta. Oggi l’imprenditore deve avere altro. Prima di tutto è importante avere una laurea o almeno una cultura universitaria equivalente. L’imprenditore di oggi deve conoscere le dinamiche del Marketing e le sue strategie, deve seguire corsi di aggiornamento, essere presente sui social, attraverso cui oggi i clienti amano ricercare informazioni. Sarebbe opportuno per un imprenditore seguire corsi di Marketing e anche di Social media Manager, e corsi che insegnino a pianificare e progettare l’Impresa che si andrà a creare.

Pianificare un’attività ha tre punti base:  

1) Determinare obiettivi precisi e raggiungibili; 2) redigere un progetto per conseguire gli obiettivi prefissati; 3) Monitorare costantemente gli obiettivi e i risultati raggiunti

Vi sono degli esperti che studiano la psicologia e le caratteristiche degli imprenditori di successo, come vi sono diverse correnti di pensiero; in generale ciò che non deve mancare ad un imprenditore per avere successo  sono:

Passione per la propria attività; lavoriamo anche di notte o nei week end pur di conseguire un obiettivo. Non deve essere sempre così, perché la vita va anche vissuta, ma ciò indica che la passione spesso non ci fa sentire la fatica e i sacrifici.

Coraggio; in modo costante un imprenditore prende decisioni, cambia rotta se si accorge che quella di prima era fallimentare, sperimenta, cerca, si butta insommain giochi anche a volte rischiosi.

Intraprendenza; chi ha la stoffa dell’imprenditore non resta ad aspettare che le cose accadano o il posto fisso, ma prova a costruire, spesso anche dal nulla la sua attività.

Costanza; è importante provare, ma è fondamentale non mollare; quasi sempre il momento propizio arriva dopo un certo numero di fallimenti. Nulla insegna più di un fallimento, per cui non bisogna averne paura, né lasciarsi scoraggiare da un fiasco.

Sognare senza perdere il contatto con l realtà, immaginare cose realizzabili e alla nostra portata.

Pianificazione, gli obiettivi devono essere un punto fermo; bisogna averli ben in mente. E’ necessario decidere cosa si vuol raggiungere ed impegnarsi al massimo per quegli obiettivi, in caso contrario si gira a vuoto.

Open mind, avere la mente aperta, fermo restando i piedi a terra e nella realtà; sperimentare e provare con cautela non guasta.

Competenza non solo per l’attività che si svolge; non bisogna avere solo le semplici conoscenze tecniche, ma conoscere i mercati e soprattutto saper capire quando cambiano, cosa vogliono i clienti. In questo possono aiutarci i social, i quali sono un ottimo termometro delle mode e degli umori delle persone. Meglio affidarsi a consulenti che conoscono bene i sociali, che li studiano e che hanno molta influenza su un ampio pubblico.

Buon umore, svegliarsi sempre con l’ottimismo aiuta a realizzare molti sogni. Non perdersi mai, lavorare con tenacia.

L’ultimo consiglio è quello di studiare sempre e formarsi continuamente, anche attraverso valide piattaforme che offrono corsi on line in tutti i settori, come Life Learning, i cui corsi sono ben strutturati e sono riconosciuti in 160 paesi.

Quando la decisione è stata presa, ci si può rivolgere al SUAP – Sportello Unicoattività produttive, il quale offre assistenza all’imprenditore in tutti i processi amministrativi con la Pubblica Amministrazione. In seguito ci si potrà affidare ad un consulente fiscale per la gestione della pratica Iva e degli adempimenti fiscali che un’azienda dovrà compiere nel corso della sua esistenza.

Mettersi in proprio: Quanto conta la strategia?

Cos’è la Strategia? è un insieme di tante piccole cose: obiettivi, target clienti, concorrenza, preparazione, differenziarsi.

Nulla si fa senza avere una strategia bene definita. Strategia vuol dire avere obiettivi e studiare i modi per poterli raggiungere. Le modalità sono tante: è bene definire un target clienti, cioè a chi vogliamo rivolgerci, a chi si rivolge la nostra attività? Studiare la concorrenza, in che modo quest’ultima si muove ed agisce, quali azioni compie, come e quando? Lo studio e la preparazione sia dal punto di vista tecnico sia strategico e infine possiamo anche scegliere un’attività comune, ciò che ci porterà al successo sarà la differenza; qual è quella marcia in più, quel tocco di originalità che ci differenzia dagli altri.

Vi sono, ad esempio imprenditori di successo che vendono milioni di magliette (articoli comuni, nessuna innovazione), con un fatturato da capogiro, solo per aver individuato uno stemma o un logo originale, che si è diffuso in modo virale arrivando a migliaia di clienti.

Mettersi in proprio idee originali

Riviste e siti on line offrono mille idee per mettersi in proprio e avviare la propria impresa; ecco le più quotate e richieste:

  • Creare un oggetto innovativo e produrlo (venderlo con e-commerce o attraverso negozi rivenditori);
  • Agenzia “Amico in affitto” (utenti trovano compagnia per serate, cene ecc.);
  • Agenzia di Visite guidate;
  • Rivendita on line di prodotti acquistati in offerta;
  • Social media Manager;
  • coltivazione canapa;
  • Asilo nido;
  • Affittacamere;
  • Produzione e vendita prodotti biologici;
  • Insalateria;
  • Riviste on line;
  • Space cleaner (riordino casa, armadi a domicilio);
  • Web radio;
  • Web Tv;
  • Consulente arreda casa

Business in proprio

 

Come redigere un Business Plan

La realizzazione di un buon Business Plan efficiente è il punto di partenza giusto, per costruire l’impresa che abbiamo in mente. Dal Business Plan si comprenderà l’idea imprenditoriale, sotto ogni punto di vista. Finanziatori ma anche eventuali futuri soci attraverso la lettura del business plan avranno ben chiara la strategia, i punti forza, le eventuali problematiche e le prospettive dell’attività vera e propria.

Un buon business plan analizza e pianifica l’attività, è un valido strumenti di comunicazione con l’esterno (finanziamenti, clienti, fornitori, banche, agenzie di servizi)

Quali sono (o dovrebbero essere) i contenuti di un Business Plan?

  1. Presentazione della società
  2. Indice dei contenuti del Business Plan
  3. Analisi dei mercati
  4. Andamenti del settore
  5. Segmenti di mercato
  6. Struttura organizzativa (soci, collaboratori ecc.)
  7. La concorrenza
  8. I Clienti
  9. Marketing e vendite
  10. Strategia di Marketing
  11. Piano Vendite
  12. Prodotti
  13. Prodotti futuri
  14. Piano si sviluppo
  15. Piano economico- finanziario (risorse occorrenti ecc.)

 

Per semplificare ulteriormente un Business plan può essere diviso in:

  1. Introduzione
  2. Parte tecnico- operativa
  3. Parte finanziaria

Dopo aver stilato un business plan valido si è già a metà dell’opera.

 

 

 

 

 

Cibo in bicicletta: taglio alle emissioni

Consegna cibo in bicicletta: opportunità o un’occasione persa? Deliveroo ormai è una realtà consolidata; il sito che ti connette ai migliori ristoranti che ti portano il cibo a casa, secondo una recente ricerca farebbe risparmiare circa 6.400 tonnellate di C02 all’anno, nei dodici paesi dove il servizio è diffuso.

Come funziona Deliveroo

Deliveroo ti permette di ricercare i ristoranti nella tua zona che in meno di mezz’ora ti consegneranno il pranzo o la cena che preferisci direttamente a casa. I rider sono ragazzi che si spostano generalmente in bici per consegnare i pasti a domicilio. L’azienda è molto fiera di contribuire al rispetto e alla tutela dell’ambiente. Il rispetto del”aria sembra però non coincidere con il rispetto dei lavoratori, chiamati rider.

Deliveroo, di fatto è una multinazionale che offre la possibilità a tanti ragazzi di “lavoretti” senza garanzie e precari. L’azienda alcuni mesi fa ha deciso di abolire il salario minimo di 5,60 all’ora per introdurre il cottimo. La decisione ha provocato la protesta dei rider, che hanno iniziato questo lavoro per “arrangiarsi”, ma che poi è diventato “quasi fisso”, visto che in giro ci sono poche opportunità lavorative.

La multinazionale continua a testare l’aria che respiriamo e a fare sondaggi fra i rider e infatti, secondo Deliveroo il 90% dei rider è felice del lavoro che svolge, lo stesso sondaggio ha evidenziato che il 90% apprezza la flessibilità che il lavoro di rider offre. La maggior parte dei ragazzi delle consegne ha meno di 30 anni e quelli che usano la bici guadagna 1,50 in media in più a consegna, mentre quelli che utilizzano lo scooter ricevono un piccolo rimborso per la benzina.

Il 90% dei rider soddisfatti studiano e svolgono questo lavoro per mantenersi all’università, ma il 10% che protesta, probabilmente pensava di trasformare questo lavoro in qualcosa di più stabile, con qualche garanzia e qualche tutela. Fra giugno 2016 e giugno 2017 Deliveroo, che collabora con oltre 35 mila ristoranti ha fatturato più di un miliardo di euro di ricavi.

L’opportunità di crescita esiste e si traduce in più lavoro sia per i ristoranti sia per i fornitori e in generale per l’economia (introiti fiscali, mercato delle biciclette), ma ancora una volta la crescita è rivolta ad altri soggetti e non è a favore dei lavoratori che sono sempre meno tutelati dalla legge.

La digitalizzazione del lavoro

Il lavoro sta cambiando rapidamente, tanto che non vi sono norme adeguate che lo regolino. Le proteste dei lavoratori crescono, basti pensare a quella recente dei lavoratori Amazon. Sembra che i sindacati si stiano muovendo a contrattare sulle nuove regole del lavoro digitalizzato.

E’ un algoritmo a decidere la sorte di un lavoratore e lo discrimina in base a determinati fattori: se è disponibile sempre, se protesta, se sciopera o è iscritto ad un sindacato. Una cosa è certa: bisogna pedalare!

Orologi per la corsa – Rilevatore GPS – Esplora percorso – Modalità multisport – Lettore musicale – App tom tom Sport

Vivere come freelance

Lavorare come freelance, forse è il sogno di molti; come tanti vocaboli inglesi anche questa parola è entrata a far parte del nostro linguaggio comune e indica un professionista che svolge la sua attività in modo autonomo ma pur sempre legato ad una o più società da un contratto di collaborazione. Con l’enorme diffusione di internet, molte professioni sono diventate freelance, ovvero molti lavoratori per bisogno o necessità offrono i loro servizi non più come lavoratori alle dirette dipendenze del datore di lavoro. Vi sono, indubbiamente nell’esercitare una professione libera pro e contro e non tutti sono adatti per svolgere un’attività freelance. Uno degli svantaggi è facilmente individuabile ed è quello di non avere uno stipendio fisso a fine mese. E’ importante che un freelance abbia grandi doti organizzative e che sappia trovare momenti di concentrazione in qualunque luogo si trovi.

La routine in questo lavoro non esiste; ciò per alcuni potrebbe rappresentare un dramma, per altri no. Molte persone, infatti amano avere una giornata lavorativa già organizzata: orario per fare colazione, timbro cartellino, pausa caffè, pausa pranzo e conclusione della giornata. Il freelance non ha un cartellino da timbrare e anche se questo può sembrare una cosa bella, in molti casi  non è affatto una passeggiata. Il rischio maggiore che può correre un lavoratore freelance è quello di non riuscire ad organizzare alla perfezione la sua giornata lavorativa, con la conseguente perdita di tempo. In realtà il freelance lavora molto più di un lavoratore dipendente; infatti, se deve consegnare un lavoro può anche lavorare 10 ore o più in una giornata. Non sono tutte rose e fiori; il freelancer deve avere un carattere organizzativo altrimenti rischia di cadere in paranoie inutili. Spesso, infatti, capita di avere in mente talmente tante cose da fare che a fine giornata ci si rende conto di non aver concluso nulla o quasi. Questo è il più grosso rischio e anche molto comune.  Il lato positivo è che quando decide di fare vacanza, anche solo per un giorno può farlo senza comunicarlo a nessuno.

Lavoratore freelance e formazione

Il professionista freelance oltre ad essere molto organizzato, deve offrire ai suoi clienti servizi di alta qualità, per cui deve essere aggiornato su tutte le novità del suo campo professionale. In genere segue le novità, si confronta con altri freelance e cerca continuamente di migliorare la sua competenza attraverso corsi di aggiornamento; il suo lavoro è frutto di ricerca e di fatica. Chi lavora per conto proprio deve fiutare l’aria, tastare il terreno ed eventualmente anticipare le richieste, le mode e le tendenze delle persone. Pochi, purtroppo riescono veramente a ingranare e solo dopo svariati tentativi; in questo campo le sconfitte, le porte chiuse sono tutte esperienze che valgono il triplo.

Quali sono i principali lavori freelance 

Oggi, a parte alcune eccezioni un po’ tutte le professioni si adattano a rapporti di lavoro a collaborazione, specie nel campo di siti web, social e consulenza. Le principali attività che si possono svolgere freelance sono:

  • Personal trainer: si tratta di una professione per la quale c’è bisogno di molta preparazione e di molta esperienza in palestre o centri benessere; il personal trainer ha competenze relative al settore nutrizionale e psicologico;
  • Shopper e Network marketer: molta flessibilità e indipendenza;
  • Consulente finanziario e contabile: molte aziende decidono di farsi aiutare da consulenti esterni, come consulenti aziendali, contabili. I consulenti finanziari, invece hanno un’approfondita conoscenza dei mercati finanziari e propongono ai propri clienti polizze assicurative, fondi e soluzioni di investimento;
  • Fotografo freelance: in questo caso ciò che fa la differenza è lo studio attraverso continui corsi di aggiornamento e la specializzazione in un determinato campo (cronaca, matrimoni, pubblicità, turismo, moda);
  • Traduttore, interprete, correttore di bozze: è richiesta una laurea in facoltà umanistiche e molta passione;
  • Giornalista: questa figura negli anni si è trasformata sempre di più in una professione autonoma; il giornalista freelance vende i suoi articoli a diverse testate e collabora attraverso rubriche, indagini giornalistiche o reportage; 
  • Blogger: nella maggior parte dei casi coincide con la figura di Influencer, perché il blogger individua un tema, una nicchia e scrive su quell’argomento, con molta fatica acquista l’autorevolezza che può generare collaborazioni e quindi guadagni;
  • Social media Manager: Questa figura è molto richiesta dalle azinede per gestire le pagine e i profili social. Attenzione non tutti possono farlo, in quanto non è cosa semplice gestire i social, almeno in modo professionale. Infatti, le aziende ricercano chi ha frequentato corsi e Master e conosce bene le tecniche per generare traffico e creare le community social. 

Sono molte le professioni che si possono svolgere freelance: attività legate alla moda, trucchi, acconciature, web master, web designer, social media manager. Da alcuni anni sono nate le Web Agenzie che offrono tantissimi servizi alle aziende e ai siti web come aumento di visite verso gli e-commerce, servizi legati ai social, posizionamento di blog e portali, ottimizzazione e creazioni di siti web. Nell’ambito di questi servizi trovano sempre più collocazione professionisti che si occupano dei diversi settori.

 

Blog su WordPress.com.

Su ↑