Dropshipping: cos’è e come funziona

Dropshipping : cos’è e come funziona

Il dropshipping è un sistema di vendita on-line che si svolge in tre fasi principali:
1. un sito di e-commerce vende prodotti che non ha e acquista da un altro fornitore / produttore,
2. una volta che l’ ordine del cliente arriva, il venditore a sua volta richiede il prodotto al proprio fornitore,
3. il fornitore invia la merce direttamente al cliente apponendo al prodotto l’ etichetta del venditore.

Il rivenditore svolge unicamente il ruolo di intermediario tra cliente e fornitore: paga l’acquisto del prodotto al fornitore e una commissione per la gestione del magazzino e della logistica. E’ l’e-venditore a determinare e scegliere il prezzo di vendita e i propri margini di guadagno che nel dropshipping variano in media tra il 20 e il 50%.

Dropshipping : quali sono i vantaggi e quali gli svantaggi

I principianti dell’e-commerce sono agevolati, il dropshipping è il modo perfetto per iniziare la propria attività senza dover acquistare in anticipo la merce. Il modello di vendita è vantaggioso per mancanza di investimenti e di necessità di finanziamento ed eccelle per la rapidità: per avviare una nuova attività sono spesso sufficienti pochi giorni.

Il dropshipping semplifica il business, non ci si dovrà, infatti occupare di inventario, imballaggio, smistamento o consegna, tutto è a carico dei fornitori che mettono a disposizione anche un ricco catalogo di prodotti a prezzi convenienti.

Una volta che il sito web è funzionale, l’e-marketing e la gestione degli ordini saranno le uniche attività da svolgere. Come affermato in precedenza, per qualsiasi attività, compreso il dropshipping, sarà di fondamentale importanza redigere un piano marketing, con un’attenta analisi di mercato e fissando bene gli obiettivi da raggiungere nel breve-medio termine. L’avvio stesso del dropshipping, restituisce utili informazioni, infatti il venditore attraverso la gestione degli ordini potrà avere le idee più chiare.
Ciò consente di testare facilmente diversi prodotti per scoprire quali soddisfano i requisiti del mercato attuale e di modificare, variare e diversificare rapidamente il proprio catalogo di vendita.

Notevoli i vantaggi del dropshipping, ma quali sono gli handicap da tenere sott’occhio?

E’ difficile distinguersi dalla concorrenza: non essendoci spese di avvio attività sono molti a entrare nel dropshipping e alcuni settori sono saturi, per questo succede che si inneschi una guerra al ribasso del prezzo su un prodotto con conseguente perdita di guadagno.

Il venditore non ha controllo sul processo di elaborazione degli ordini, si deve affidare interamente allo spedizioniere per eseguire le attività in modo responsabile e mantenere standard qualitativi costantemente elevati. E’ infatti sempre il fornitore che si occupa della logistica e degli articoli da consegnare al cliente, sottraendo in buona parte anche il rapporto diretto col cliente. Quest’ultimo, però se un prodotto non rispetta l’ordine inoltra reclamo al venditore, non al fornitore, che deve essere prontamente in grado di gestire direttamente il rimborso o la sostituzione.  Per questo motivo è importante scegliere con cura fornitori seri e affidabili. Uno stratagemma efficace da applicare per ovviare a tali inconvenienti, è quello di tenere aperti e costantemente aggiornati i canali per interfacciarsi con il cliente: chat, e-mail, social, messenger, whatsapp. In questo modo, oltre ad avere un rapporto diretto con il cliente, si potrà avviare quel rapporto di fiducia, per cui “fidelizzare”.

Esperienza e prova giocano a favore

Quando si commercializzano prodotti particolari, sarà bene conoscerli, provarli per dispensare consigli utili e rispondere in modo chiaro e tempestivo alle domande dei clienti. L’elemento “fattore umano” è di importanza vitale ed oggi è ciò che maggiormente differenzia, in qualsiasi settore. Il cliente vuole essere “coccolato”, ascoltato, vuole ricevere consigli e quando comprende che dall’altra parte c’è chi si interessa a lui e alle sue esigenze, ritornerà sempre nello stesso posto per i prossimi acquisti.

D’altro canto, gli spedizionieri, per la maggior parte, appongono ai prodotti etichette personalizzate per garantire il marchio del venditore, ma raramente consentono l’imballaggio personalizzato, il pacco regalo o di aggiungere articoli promozionali agli ordini, tutti elementi che entrano in gioco negativamente nella fidelizzazione del cliente. Ma anche per questi aspetti negativi, si possono studiare soluzioni personalizzate, che saranno frutto di tempo ed esperienza sul campo. Ovviamente, resta inteso che è preferibile commercializzare prodotti che si conoscono bene, verso i quali si ha una forte propensione (o passione); il Know How è sempre un ottimo investimento. Nella fase di scelta dei prodotti da vendere attraverso la formula del dropshipping, bisognerà valutare attentamente quegli articoli che vengono utilizzati direttamente o indirettamente da anni.

Dropshipping : quali sono gli step da compiere e quali prodotti conviene vendere

In realtà a questa domanda abbiamo già risposto ampiamente nel paragrafo precedente, ma fissiamo alcuni punti fondamentali sui vari passaggi.

  1. Scegliere la giusta nicchia di mercato
    La scelta di ciò che si vende è uno dei fattori più critici, la chiave vincente è trovare prodotti o servizi innovativi. Per trovare la nicchia perfetta è necessario porsi la domanda: a chi vendere? Si deve scegliere un pubblico di destinazione e studiarlo per trovare il bisogno da soddisfare. Un buon prodotto ha poca competizione, consente un buon margine di guadagno e crea l’effetto “wow”, di sorpresa con immagini e video di presentazione.
  2. Strumenti online di ricerca prodotti
    Google Trends, JungleScout, SEOtesteronline sono tra gli strumenti più utili a reperire e scegliere prodotti ad alto potenziale nel dropshipping, consentendo di risparmiare tempo e di massimizzare le possibilità di successo. Per chi non è esperto vi sono alcuni corsi molto validi che insegnano tutto in modo semplice e funzionale.
  3. Il miglior fornitore di dropshipping
    È poi necessario effettuare una buona ricerca per essere in grado di scegliere un fornitore di fiducia, che deve soddisfare una serie di requisiti, come avere un’ampia varietà di prodotti che dispongano delle certificazioni richieste, garantire un’ adeguata disponibilità di pezzi in magazzino, oltre ad avere una buona logistica per eseguire spedizioni rapide e nei tempi richiesti. Un’altra caratteristica importante è valutare se il fornitore sia in grado di spedire in tutti i continenti, nel caso si decida in futuro di espandere il proprio mercato. In questo caso, sarà utile provare per primi i prodotti che si vorranno inserire nel proprio e-commerce, testando in questo modo anche la personalizzazione, la spedizione, i tempi e la qualità. Chi può conoscere tutte le caratteristiche (per cui consigliare), meglio di chi ha provato quel prodotto?
  4. La piattaforma di e-commerce
    Prima di creare un negozio online si deve selezionare attentamente la piattaforma da utilizzare. Ci sono grossisti dropshipping che offrono soluzioni complete, con le quali ci si deve solo preoccupare di pubblicizzare il proprio negozio online e di vendere una volta che lo si è lanciato. I più conosciuti sono Amazon, Ebay, Shopify.
  5. I mezzi di pagamento
    E’ essenziale offrire ai propri potenziali clienti i mezzi di pagamento più utilizzati: carta di credito, bonifico bancario o PayPal. Proponendo più mezzi di pagamento, si sarà in grado sia di raggiungere un maggior numero di utenti che di aumentare le possibilità di vendita.
  6. Posizionamento SEO
    Una volta creato il negozio online, è il momento di lavorare per consentire agli utenti di internet di trovare il nuovo negozio dropshipping. Il posizionamento SEO è uno degli strumenti più utili: focalizzando il contenuto del negozio sulle parole chiave si può apparire più facilmente e in miglior posizione nei principali motori di ricerca, infine ottenere traffico di qualità e iniziare a vendere. E’ un’ottima scelta affidarsi a consulenti esperti per la costruzione del sito, che curino in modo attento l’inserimento di parole chiave, come anche la scelta del nome del sito, tutti elementi di vitale importanza se si vuole essere trovati sul web. Anche in questo settore sarà possibile, se si mastica abbastanza di web, internet, google adv seguire un paio di corsi, attraverso i quali in modo graduale poter acquisire dimestichezza con tutte le azioni da compiere per essere competitivi sul web.
  7. Recensioni dei clienti
    La stragrande maggioranza degli utenti cerca il consiglio di altri utenti prima di acquistare. Il negozio online deve essere predisposto in modo che gli utenti che acquistano diventino i migliori ambasciatori del prodotto, quindi è importante utilizzare piattaforme affidabili con le quali sia facile chiedere l’opinione dei clienti dopo l’acquisto e inserire le loro recensioni, verificandole.
  8. Investimento in pubblicità
    Per iniziare un’attività di dropshipping online, è importante investire in pubblicità e già prima di iniziare a costruire un e-commerce si deve riservare una parte del budget per la pubblicità online: gli annunci su Google Ads e i social network come Facebook, Instagram o Twitter sono le chiavi per farsi conoscere dagli utenti.
    È difficile raggiungere il pubblico di destinazione quando si parte da zero, motivo per cui si consiglia di sfruttare diverse opzioni per promuovere il proprio sito web. Inoltre è impensabile non spendere qualche soldo in pubblicità; in caso contrario si resterà anonimi, pur avendo speso tante energie e lavoro.
  9. Perseveranza
    Intraprendere un’ attività di dropshipping (come tante altre) non è sempre facile, è bene essere consapevoli che prima di iniziare ad avere traffico sufficiente e a farsi conoscere possono servire anche più settimane, ma non ci si deve arrendere: la perseveranza è uno dei migliori strumenti per avere successo. Non è necessario strafare e volere tutto e subito. I risultati non sono immediati e non arriveranno mai senza fatica, per cui è importante concentrarsi su quello che si fa, e ogni giorno compiere piccoli passi, con determinazione, studio e dedizione, confidando nel proprio lavoro e nei propri sacrifici. Il metodo principale per chiarirsi le idee e riuscire ad intraprendere un’attività di successo è lo studio; in rete vi sono molte piattaforme di corsi on line, che rilasciano certificazioni riconosciute a fronte di un metodo di studio molto efficace: Ecco il link di alcuni corsi on line. 

Spagna: Costa Blanca spiagge e storia

Come fare testamento

I matrimoni sono in crisi: Che cosa fare in caso di divorzio? Scatoloni per il trasloco (Una vita da single)

Formazione on the job: l’importanza della formazione sul posto di lavoro

Come reagire alla perdita del posto di lavoro

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Blog su WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: